A
Attualità
Attualità, 6/2019, 15/03/2019, pag. 163

A. Zanconato, Khomeini. Il rivoluzionario di Dio

Domenico Segna

Chi era, infatti, colui che veniva definito dagli avversari un religioso oscurantista, difensore delle forme tradizionali di devozione ma, al contempo, un mistico? A queste e ad altre delicate questioni, come quella della controversa figura dello scià Mohammad Reza Pahlavi e del suo tentativo di occidentalizzare l’Iran nel giro di pochi decenni a scapito della popolazione, la monografia di Zanconato offre una puntuale ricostruzione storica. Essa chiarisce le radici spirituali e culturali di un leader, spietato nemico dell’Occidente e d’Israele, che riuscì a imporre il Velayat-e faqib: bokumat-e islami (il governo del giureconsulto: il governo islamico), in attesa dell’uscita dall’«occultamento» del dodicesimo imam, così come vuole la fede sciita duodecimana.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-4

L. Marotta, María Zambrano e il pensiero dell’Occidente

Saggio di filosofia

Domenico Segna

Nel tentativo di ricucire lo strappo originario della filosofia greca e delle sue ricadute pratiche nel corso dei secoli, María Zambrano s’inoltra in un sentiero nel quale non sono possibili né una ragione senza poesia.

Attualità, 2024-4

P. Ribet, G. Romano (a cura di), Sappiamo ancora riconoscere il male?

Riflessioni sul male fra scienza, filosofia e teologia

Domenico Segna

La «rivincita di Dio», celebre locuzione coniata dal filosofo e arabista francese Gilles Kepel, è sotto gli occhi di tutti: proprio per questo dire Dio significa dire, al contempo, anche il male. 

 

Attualità, 2024-2

P.C. Bori, Per un consenso etico tra culture e Lettera sui monoteismi

Domenico Segna

Edito per la prima volta nel 1991, Per un consenso etico tra culture rappresenta uno dei momenti più alti della produzione intellettuale di Pier Cesare Bori.