A
Attualità
Attualità, 14/2020, 15/07/2020, pag. 430

Corea del Sud - Giappone: sottozero demografico

Stefano Vecchia

I dati relativi allo scorso anno confermano per Corea del Sud e Giappone la tendenza negativa della crescita demografica. Sulla prima pesano maggiormente le mancate nascite, sul secondo la numerosità della popolazione anziana. Ma entrambi i paesi sono accomunati da una situazione che presenta dei casi-limite e da politiche governative che non sono riuscite a invertire le tendenze negative, che sono in rapporto con una evoluzione culturale in atto e con indicatori di condizioni socio-economiche sempre meno favorevoli.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

Asia - 50° della FABC: il futuro è nel dialogo

Celebrata la Conferenza generale della Federazione

Stefano Vecchia

Dal 12 al 30 ottobre scorso la Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (FABC, l’acronimo con cui è nota dal suo nome inglese) ha celebrato, con la sua prima Conferenza generale, il mezzo secolo dalla fondazione, un incontro che si è tenuto con due anni di ritardo rispetto alla data effettiva del 50o (2020) a causa della pandemia da COVID-19 (cf. Regno-att. 18,2021,598).

 

Attualità, 2022-18

India - Madre Teresa: i poveri e la fede

Stefano Vecchia

A 112 anni dalla nascita e a 25 dalla morte, avvenuta a Calcutta il 5 settembre 1997, la figura di santa Teresa di Calcutta resta assai popolare in India e non solo tra i cristiani. Madre Teresa, com’è comunemente nota, ha lasciato nel paese dov’era arrivata nel 1929 un vuoto nei tanti che hanno avuto la possibilità d’incontrarla direttamente, ma la sua esperienza e il suo insegnamento restano ancora vivi negli istituti femminili e maschili da lei voluti e nelle numerose iniziative di carattere caritativo.

 

Attualità, 2022-16

Cina - ONU: il Rapporto che accusa

Stefano Vecchia

Quarantasei pagine per quello che è finora il documento più circostanziato sulla repressione operata da Pechino sulla minoranza uigura e su altri gruppi sempre di fede musulmana nell’immensa provincia autonoma occidentale dello Xinjiang. Il Rapporto, diffuso il 31 agosto dall’Ufficio dell’Alto commissariato delle Nazioni unite per i diritti umani con sede a Ginevra, per fare «il punto» su quello che le autorità cinesi continuano a negare, è anche nel complesso il più pesante atto d’accusa finora formulato nei loro confronti, pur lasciando aperta la porta a una possibile cooperazione tra l’Alto commissariato e la dirigenza cinese.