A
Attualità
Attualità, 18/2020, 15/10/2020, pag. 556

S. Segoloni Ruta, Gesù, maschile singolare

Antonio Ballarò

L’autrice avanza l’idea che la ricomprensione del rapporto tra i sessi sia una questione sociale di livello globale, al pari di crisi come quella ecologica, la povertà o le migrazioni. Ricorre quindi intelligentemente all’enciclica di papa Francesco Laudato si’, estendendo al rapporto tra i sessi gli argomenti che il papa riserva al rapporto tra esseri umani e ambiente. A questo proposito, «la fede cristiana può essere una risorsa non solo per l’emancipazione femminile, ma anche per la ridefinizione dell’identità maschile» (15). Il percorso vorrebbe essere simile qui a quello collaudato per l’ebraicità di Gesù, sia pure senza «la stessa delicatezza» (20).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-10

A. Melloni (a cura di), Sinodalità

Istruzioni per l’uso

Antonio Ballarò

Il Sinodo sulla sinodalità voluto da papa Francesco, variamente entrato nel vivo a seconda dei contesti nazionali soprattutto durante quest’anno, è sin dall’accostamento dei due vocaboli – sinodo e sinodalità – un invito a pensare un evento e la forma di cui è portatore.

Attualità, 2022-8

E.R. Urciuoli, La religione urbana

Come la città ha prodotto il cristianesimo

Antonio Ballarò

Il volume sintetizza uno studio quinquennale intorno alle «formazioni reciproche» di religione e urbanità, nella duplice consapevolezza che l’una e l’altra entrano in relazione in quanto «tutto esiste nello spazio e genera, a sua volta, spazio» e che a una religione possano essere associati luoghi tanto materiali (le chiese) come ideativi (il paradiso).

Attualità, 2022-8

S. Morandini, S. Noceti (a cura di), Diventare teologi

Antonio Ballarò

Il volume recepisce le trasformazioni avvenute in questi anni già «aggiornando» il titolo del libro di Sartori: non più «essere» ma «diventare» teologi, non tanto perché fare teologia sia o debba solo essere il frutto di scelte individuali e consapevoli, quanto per sottolineare la molteplicità e la dinamicità dei percorsi che lo rendono possibile.