A
Attualità
Attualità, 6/2020, 15/03/2020, pag. 162

M.M. Zuppi, L. Fazzini, Odierai il prossimo tuo

Perché abbiamo dimenticato la fraternità. Riflessioni sulle paure del tempo presente.

Paolo Tomassone

Il «crescente e latente rancore presente nella società» ha un nome preciso: odio. E lo si trova declinato in tanti modi. Nel libro-intervista il cardinale di Bologna ne va a indagare le radici. E le trova prima di tutto tra le pieghe dell’individualismo, che non conduce necessariamente a odiare, ma «quando esso si contrappone a ogni spirito di fraternità, può facilmente scolorire nell’odio.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-22

R. Cipriani, L’incerta fede

Un’indagine quanti-qualitativa in Italia

Paolo Tomassone

Nel volume L’incerta fede il docente emerito dell’Università Roma Tre raccoglie un’ingente quantità di materiale proveniente da studi precedenti condotti in Europa e nel mondo oltre che in Italia, e apre una riflessione su alcune dicotomie che accompagnano l’esistenza di ognuno di noi: la felicità e il dolore; la vita e la morte; la preghiera e l’istituzione religiosa; la rappresentazione di Dio e papa Francesco.

Attualità, 2021-20

Francesco – Ecologia e COP26: la conversione

Paolo Tomassone

«Abbiamo ereditato un giardino: non dobbiamo lasciare un deserto ai nostri figli». Con questa immagine simbolica, ma anche con un impegno concreto, gli scienziati e leader religiosi di diverse culture e paesi hanno sottoscritto il 4 ottobre scorso un Appello congiunto insieme al papa per sugellare l’incontro «Fede e Scienza verso COP26».

 

Attualità, 2021-20

Italia - Dossier statistico immigrazione: dimenticati

Dagli italiani e dalla politica per il rilancio del paese

Paolo Tomassone

Una fotografia nitida di quello che accade fuori e dentro i confini arriva dal Dossier, giunto alla sua 31a edizione, realizzato in collaborazione con il Centro studi Confronti e, da quest’anno, anche con l’Istituto di studi politici S. Pio V. Nonostante le rigide restrizioni anti-COVID alla mobilità internazionale – si legge nel Rapporto – nel 2020 i migranti nel mondo sono arrivati a 281 milioni, 9 in più rispetto al 2019, superando la crescita media annua dei 4 anni precedenti. Così tra gli oltre 7 miliardi e 800 milioni di abitanti del mondo, i migranti sono più di 1 su 30.