A
Attualità
Attualità, 16/2021, 15/09/2021, pag. 519

F. Ferrari, Una teologia discordante

Ambrogio Valsecchi nell’Italia degli anni ’50-’70

Giannino Piana

Il volume di Ferrari, che si compone di 4 densi capitoli, ripercorre alcuni momenti della vita di Ambrogio Valsecchi, mettendoli in stretta relazione con l’evoluzione della sua ricerca teologico-morale, dalla quale emerge una «teologia discordante» – come recita il titolo dell’opera – per le aperture dottrinali e pastorali, presentate sempre da lui come ipotesi destinate a sollecitare il dibattito in ambito ecclesiale. L’aggiornamento avviato dal Concilio nei vari campi della teologia non poteva non mettere in discussione il vecchio impianto della teologia morale – quello della casistica negativo-giuridica – rendendo necessaria una svolta metodologica e di prospettiva particolarmente radicale.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-8

O. Franceschelli, Nel tempo dei mali comuni

Per una pedagogia della sofferenza

Giannino Piana

Il saggio di Orlando Franceschelli, che si articola in 4 densi capitoli, prende avvio nel 1o capitolo dall’importanza del binomio «pensare e fare», che costituisce il contributo proprio della filosofia per affrontare le sfide del presente.

Attualità, 2022-8

L. Prenna, Dal cattolicesimo democratico al nuovo popolarismo

Sui sentieri di Francesco

Giannino Piana

La politica attraversa oggi una crisi, dovuta al fenomeno della corruzione e alla grave difficoltà in cui è entrato il sistema di democrazia liberale. Ma la ragione più profonda della crisi va ricercata nei cambiamenti intervenuti, nel breve volgere di anni, all’interno della società.

Attualità, 2021-18

E. Peterson, Chiesa antica, giudaismo e gnosi

Giannino Piana

Vissuto, anche per scelta, ai margini, Erik Peterson, filologo e storico della tradizione cristiana antica, che è vissuto tra il 1890 e il 1960, costituisce ancor oggi un riferimento per la conoscenza del cristianesimo delle origini. La vastità dei suoi interessi, che andavano dalla filologia all’archeologia, dalla Bibbia alla patrologia, dalla storiografia alla liturgia e alla teologia politica (per ricordarne solo alcuni) è la testimonianza della ricchezza di una personalità di prim’ordine.