A
Attualità
Attualità, 20/2021, 15/11/2021, pag. 659

Africa – Turchia e Somalia. Obiettivo strategico

Enrico Casale

L'Africa è diventata per la Turchia una nuova frontiera. Un continente nel quale stringere relazioni politiche, siglare contratti commerciali, creare legami culturali e religiosi. Il simbolo di questa amicizia è la Somalia, paese messo al tappeto da trent’anni di guerra civile, che ora vede proprio in Ankara un appoggio per risalire la china.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-22

Africa – Etiopia: a chi serve la guerra

Enrico Casale

Riuscirà l’Etiopia a mantenersi unita? Ce la farà nel delicato compito di non sfaldarsi? Sono queste le domande che si pongono gli analisti a 13 mesi dall’inizio della guerra che contrappone il governo federale guidato da Abiy Ahmed e le milizie legate al Fronte popolare di liberazione del Tigray (TPLF), la regione settentrionale del paese (cf. Regno-att. 22,2020,698; 14,2021,455).

 

Attualità, 2021-16

Africa - Sud Sudan: senza pace

Enrico Casale

Dieci anni fa nasceva il Sud Sudan. Uno stato tutto nuovo che metteva in discussione, per la seconda volta nella storia africana (la prima era stata l’Eritrea), i confini dettati dal potere coloniale. Staccandosi dal Sudan, la nuova nazione cercava di dare una identità e una vera cittadinanza alle popolazioni nere cristiane e animiste che erano sempre state trattate da Khartoum come persone di serie B (cf. Regno-att. 2,2011,14; 14,2011, 441; 18,2011,600).

 

Attualità, 2021-14

Africa - Etiopia: gli strascichi

Enrico Casale

Sembrava dovesse essere una guerra lampo. Uno di quei conflitti aspri, ma di pochi giorni. Invece, nonostante il premier Abiy Ahmed abbia annunciato il termine delle ostilità a fine novembre, a circa un mese dall’inizio, le armi non hanno mai smesso di sparare in Tigray, la regione settentrionale dell’Etiopia. Alcuni analisti lo avevano annunciato: la guerriglia sarebbe andata avanti. I membri del Fronte popolare di liberazione del Tigray (TPLF) non avrebbero lasciato facilmente il potere all’odiato governo federale di Addis Abeba.