A
Attualità
Attualità, 22/2021, 15/12/2021, pag. 701

Italia - Teatro: il cattolico inclassificabile

Intervista a Giovanni Scifoni

Arianna Prevedello

L’artista poliedrico Giovanni Scifoni ha incontrato il pubblico prima del suo ultimo spettacolo, Anche i santi hanno i brufoli

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-10

Cinema - Editoria: il successo a ogni costo

Quando la cinepresa indaga sull’intreccio tra realtà e finzione

Arianna Prevedello

Nathan, un giovane scrittore interpretato da Xavier Dolan nel film Illusioni perdute di Xavier Giannoli e ispirato all’omonima opera di Honoré de Balzac, si lamenta col proprio editore che poco prima del lancio del suo nuovo romanzo manca la polemica. «Come faccio senza polemica?» si chiedeva, infatti, Nathan, privato di quella insalubre miccia per il lancio.

 

Attualità, 2022-8

Ucraina - Cinema: la distopia è oggi

Il paese visto al futuro dal regista Valentyn Vasjanovyč

Arianna Prevedello

La data del 24 febbraio per molti è uno spartiacque, ormai indimenticabile, su un conflitto che fino a poco prima trascuravano o che proprio non consideravano nella mappa geopolitica. Se in tanti potevano dirsi, quindi, distratti rispetto alla crisi russo-ucraina, non possiamo dire altrettanto del cinema.

Attualità, 2021-20

Italia - Cinema: oltre la notte

La settima arte elabora continuamente il tema della morte

Arianna Prevedello

Il cinema non si stanca d’abitare le verità ultime e di prepararci a dirupi inospitali. Con buona pace dei produttori che sempre più si vedono consegnare script con questo accento drammatico, il cinema adempie egregiamente alla sua funzione di processore artistico, sminuzzando la vita nei suoi sintagmi fondamentali. Tra questi non poteva sfuggire quello che guarda con franchezza alla morte o alla sua ipotesi, allontanando così sempre più l’orizzonte di un cinema di evasione, per tramutarsi piuttosto nel biglietto per uno spettacolo che proietta, invece, nelle viscere meno certe della vita, nelle poche cose che continuano a farci veramente paura e riportandoci di conseguenza a dinamiche di umiltà altrimenti inaccessibili.