A
Attualità
Attualità, 22/2021, 15/12/2021, pag. 688

Stati Uniti - Chiesa cattolica: temendo il Sinodo

Le divisioni della Conferenza episcopale e la distanza da Francesco

Massimo Faggioli

Una tregua, ma non la fine delle ostilità, nei rapporti tra papa Francesco e la Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, e tra i vescovi e Joe Biden: questo il significato dei principali eventi ecclesiali tra fine ottobre e metà novembre. Il 29 ottobre l’udienza del secondo presidente cattolico degli USA col papa (cf. Regno-att. 18,2021,561) si è svolta in un’atmosfera molto cordiale, diversa da quella di Francesco col predecessore, Donald Trump, che nel maggio 2017 era arrivato in Vaticano avendo appena concluso in Medio Oriente la più lucrosa vendita di armi nella storia degli Stati Uniti.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-10

Dibattito - Ucraina: il rischio

Come il Patriarcato di Mosca ha «arruolato» il Vaticano nella guerra

Thomas Bremer, Regina Elsner, Massimo Faggioli, Kristina Stoeckl

In oltre due mesi dall’inizio dell’invasione russa, la Chiesa ortodossa russa non ha perso una sola occasione per affermare che il Vaticano è al suo fianco nella situazione in Ucraina. Mentre la diplomazia vaticana e papa Francesco cercano di scegliere le parole e i simboli per affrontare una guerra che sembrano interpretare come il risultato di un conflitto geopolitico di interessi tra Russia e Stati Uniti, il Patriarcato di Mosca è rimasto fermo nella sua determinazione a presentare il Vaticano come alleato e ignorare le evidenze del contrario.

 

Documenti, 2022-9

L’opposizione a Francesco e al Concilio

Massimo Faggioli

Nei giorni 25 e 26 marzo 2022, negli spazi della Loyola University dei gesuiti a Chicago, diverse componenti della comunità cattolica negli USA – specialmente teologi e giornalisti – si sono riunite con un gruppo di vescovi per discutere di Vaticano II e del pontificato di Francesco e per immaginare una via da seguire per la Chiesa americana, che a nove anni dal conclave del 2013 ha ancora grandi difficoltà a recepire il pontificato. Nell’ambito di questo incontro (sul quale cf. Regno-att. 8,2022,221) lo storico Massimo Faggioli (Villanova University) ha presentato una delle tre relazioni principali, intitolata «L’opposizione contro papa Francesco nasce dall’abbandono del Vaticano II come fonte di rinnovamento».

Secondo lo studioso è urgente affrontare il problema perché «il pontificato di Francesco è combattuto, a livello teologico, in gran parte e soprattutto a causa del suo recupero del Concilio. Ma questa battaglia per il significato del Vaticano II sarà con noi per molto tempo. In gioco non c’è solo la comunione con il vescovo di Roma, ma anche la vitalità della tradizione magisteriale e intellettuale cattolica».

 

Attualità, 2022-8

Stati Uniti - Chicago. Prove di sinodalità

Massimo Faggioli

Qualcosa si muove nella Chiesa cattolica statunitense, che a 9 anni dal conclave del 2013 prova ancora grandi difficoltà a conoscere e riconoscere il pontificato di Francesco.