A
Attualità
Attualità, 4/2021, 15/02/2021, pag. 107

F. Filippi, Ma perché siamo ancora fascisti?

Un conto rimasto aperto

Domenico Segna

Una palude, una zona grigia; così è stata più volte definita quella terra in cui chiunque di noi ha avuto occasione di imbattersi almeno una volta, una terra che affiora nei social, nelle opinioni da bar, nelle semplicistiche narrazioni: in essa ci si dichiara nostalgici del ventennio in camicia nera. Lo storico della mentalità Francesco Filippi con questo volume l’ha esplorata delineando le ragioni di fondo che hanno permesso la sopravvivenza dei fantasmi di un passato così prontamente coperto, ma mai seriamente cancellato con un vero e proprio esame di coscienza che facesse i conti con i tragici eventi che hanno permesso l’avvento e, successivamente, l’instaurazione del regime fascista.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-18

G. Sgubbi, Itinerari verso Dio

Filosofia e teologia in dialogo

Domenico Segna

Un filo rosso sottende i 7 saggi che costituiscono il volume di Giorgio Sgubbi, 2 dei quali del tutto inediti: l’argomentata rilevanza che ha nella sua ricerca teologica e filosofica la recta ractio all’interno di quella che Giovanni Paolo II ebbe a definire la teologia quale «scientia amoris».

Attualità, 2021-16

S. Veca, Prove di autoritratto

Domenico Segna

Notevole è il debito che la filosofia italiana, segnatamente quella politica, ha contratto con Salvatore Veca: un debito innanzitutto culturale prima ancora che politico. Basti leggere questa autobiografia scritta – con S. Mondadori – con passione senza alcuna vanagloria, per poter rendersi conto del peso che ha significato, e significa, la sua traiettoria intellettuale nel dibattito su che cosa debba essere la sinistra e, più ancora, su che cosa si debba intendere per cittadinanza o per società giusta.

 

Attualità, 2021-14

F. Mancinelli, Tutti gli occhi che ho aperto

Domenico Segna

Dopo il folgorante debutto di Mala Kruna (2007), voce poetica consolidatasi e approfonditasi con le altrettanto efficaci raccolte di Pasta madre (2013) e Libretto di transito (2018), la poetessa Franca Mancinelli, la «donna-albero», con questo volume ha pubblicato uno fra i libri di poesia più originali dell’attuale panorama letterario italiano, certamente la sua raccolta più stilisticamente matura.