A
Attualità
Attualità, 6/2021, 15/03/2021, pag. 177

Y. Ueno Franzoni, Quanti sogni e quante speranze avevi

Luigi Mariano Guzzo

È un dialogo profondo quello che Yukiko Ueno intesse idealmente con il marito, Giovanni Franzoni, padre conciliare, già abate del monastero di San Paolo fuori le Mura a Roma, animatore della comunità cristiana di base di via Ostiense, scomparso nel 2017. Un intimo colloquio inframezzato da lettere, ricordi, testimonianze di tante amiche e amici. Il libro è una polifonia di voci che permette di cogliere aspetti inediti della personalità e della spiritualità di Franzoni e, in forma autobiografica, di quelle di Yukiko. 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-20

Italia – Concordato: riforma dei cappellani militari?

Luigi Mariano Guzzo

La legge n. 70 del 22.4.2021 (Gazzetta ufficiale n. 121, 22 maggio), opera la tanto attesa revisione dell’istituto dell’assistenza religiosa alle Forze armate per i cattolici, con l’autorizzazione alla ratifica dello Scambio di lettere tra l’allora presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il segretario di Stato vaticano card. Pietro Parolin, avvenuto in data 13 febbraio 2018, e le relative norme d’adeguamento dell’ordinamento interno.

 

Attualità, 2021-20

L. Sandri, Anno 2289

L’ultimo conclave

Luigi Mariano Guzzo

Dopo Cronache dal futuro. Zeffirino II e il dramma della sua Chiesa (Gabrielli, 2008), Luigi Sandri torna con un nuovo romanzo di «fanta-ecclesiologia», come egli stesso lo definisce. Questa volta siamo nel 2289, quasi due secoli dopo Zeffirino. La Chiesa è scossa da un evento drammatico: tutti i cardinali con diritto di voto vengono assassinati durante il conclave. Che si fa ora? Chi è legittimato a scegliere il nuovo vescovo di Roma?

 

Attualità, 2021-10

V. Bertolone (a cura di), Rosario Angelo Livatino

Luigi Mariano Guzzo

Assassinato dalla stidda nel 1990 a soli 38 anni d’età, sulla strada che collega Canicattì ad Agrigento, Rosario Livatino è il primo magistrato che sale agli onori degli altari. Il riconoscimento della sua morte «violenta» quale martirio «in odio alla fede» ha permesso di procedere alla beatificazione, com’è stato per don Pino Puglisi nel 2013. E sia per la causa riguardante don Puglisi sia per quella di Livatino, postulatore è Vincenzo Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace e presidente della Conferenza episcopale calabra, che sul giudice santo ci consegna ora due importanti pubblicazioni.