A
Attualità
Attualità, 8/2021, 15/04/2021, pag. 252

Etiopia -Tigray: Axum, è stata strage

Giusy Baioni

Se ne vociferava da tempo. Qualcuno ne aveva anche scritto, ma date e fatti non coincidevano. Si parlava di una strage di cristiani, di un santuario preso d’assalto, ma la coltre fumogena che avvolgeva il Tigray dal 4 novembre scorso non permetteva una verifica indipendente: comunicazioni tagliate, Internet bloccato, impossibile capirne di più. Poi i confini sono stati aperti ad alcune ONG, i collegamenti sono parzialmente ripresi, la gente in fuga ha cominciato a raccontare e così anche i ricercatori di Amnesty International e Human Rights Watch hanno potuto svolgere il loro lavoro.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-20

Repubblica democratica del Congo - Chiesa cattolica. La rottura

Giusy Baioni

Una scelta controversa: il presidente congolese Félix Tshisekedi Tshilombo lo scorso 22 ottobre ha confermato Denis Kadima alla testa della Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI), nonostante la contrarietà dell’episcopato cattolico e delle Chiese protestanti. «Ho deciso di firmare l’ordinanza che designa i componenti del nuovo ufficio della CENI. Li esorto fortemente a lavorare per l’organizzazione di elezioni libere, democratiche e trasparenti entro il termine costituzionale», ha dichiarato Tshisekedi alla TV di stato.

 

Attualità, 2021-18

Africa - Ruanda: qualcosa da nascondere

Perché il regime vuole mettere a tacere Paul Rusesabagina

Giusy Baioni

Era diventato famoso in tutto il mondo grazie a un film ispirato alla sua storia, Hotel Ruanda. Ora, però, Paul Rusesabagina per lo stato ruandese è un criminale. Il 20 settembre è stato condannato dall’Alta corte a 25 anni di carcere con l’accusa d’aver formato e finanziato un gruppo che ha compiuto attacchi terroristici.

 

Attualità, 2021-14

Africa - Repubblica democratica del Congo. L’insicurezza figlia della corruzione

Giusy Baioni

È il 27 giugno. La strage mancata in una chiesa è solo l’ultimo episodio della lunga scia che insanguina l’est della Repubblica democratica del Congo. Questa volta una bomba artigianale era stata piazzata dietro l’altare nella parrocchia Sant’Emmanuele, quartiere Butsili, alla periferia di Beni. Due feriti gravi e vari danni, solo perché l’ordigno è esploso prima della messa domenicale. Ma il bilancio poteva essere ben peggiore.