A
Attualità
Attualità, 10/2022, 15/05/2022, pag. 292

Africa - Repubblica democratica del Congo: fare verità su Attanasio

In attesa del viaggio del papa

Giusy Baioni

Un annuncio atteso, eppure insperato: se le condizioni di salute glielo permetteranno, il prossimo luglio papa Francesco visiterà di nuovo il continente africano. E lo farà con due tappe che equivalgono a due sfide di prim’ordine. Il Sud Sudan, dove vorrà verificare a che punto sia il tanto atteso processo di pace, che i due contendenti Salva Kiir e Riek Machar si erano impegnati a perseguire nella loro storica visita in Vaticano nel 2019, davanti a quello storico gesto del papa che s’inginocchiava a baciare i piedi dei due contendenti.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-4

Africa - Burkina Faso: golpe e poi?

Giusy Baioni

Esiste una gran distanza, a volte, fra le sacrosante dichiarazioni di principio e la realtà dei fatti. Un esempio su tutti viene dal Burkina Faso, dove il 24 gennaio scorso un golpe ha rovesciato il governo del democraticamente eletto presidente Roch Marc Christian Kaboré.

 

Attualità, 2021-20

Repubblica democratica del Congo - Chiesa cattolica. La rottura

Giusy Baioni

Una scelta controversa: il presidente congolese Félix Tshisekedi Tshilombo lo scorso 22 ottobre ha confermato Denis Kadima alla testa della Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI), nonostante la contrarietà dell’episcopato cattolico e delle Chiese protestanti. «Ho deciso di firmare l’ordinanza che designa i componenti del nuovo ufficio della CENI. Li esorto fortemente a lavorare per l’organizzazione di elezioni libere, democratiche e trasparenti entro il termine costituzionale», ha dichiarato Tshisekedi alla TV di stato.

 

Attualità, 2021-18

Africa - Ruanda: qualcosa da nascondere

Perché il regime vuole mettere a tacere Paul Rusesabagina

Giusy Baioni

Era diventato famoso in tutto il mondo grazie a un film ispirato alla sua storia, Hotel Ruanda. Ora, però, Paul Rusesabagina per lo stato ruandese è un criminale. Il 20 settembre è stato condannato dall’Alta corte a 25 anni di carcere con l’accusa d’aver formato e finanziato un gruppo che ha compiuto attacchi terroristici.