A
Attualità
Attualità, 12/2022, 15/06/2022, pag. 379

F. Cardini, Le dimore di Dio

Dove abita l’eterno

Domenico Segna

Il titolo non deve trarre in inganno: Cardini non si limita a mappare i luoghi dove si è soliti avere un contatto con il divino; ciò che più gli interessa è il seguente interrogativo: chi è Dio? Una domanda affrontata dallo storico con un’indagine a tutto campo, dove si toccano le principali fedi religiose pur privilegiando, inevitabilmente, le tre grandi religioni abramitiche.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-14

G. Alvi, La necessità degli apocalittici

Domenico Segna

Da sempre il libro dell’Apocalisse ha catturato esegeti, biblisti, teologi, semplici lettori delle Scritture: testo enigmatico e visionario, come afferma l’autore, effettivamente è una realtà che sovverte dalle fondamenta il tempo e lo spazio. Studioso assiduo dell’ultimo libro del Nuovo Testamento, egli procede in modo tale che siano gli «apocalittici» provenienti da diverse epoche e da differenti latitudini (Andrej Arsen’evič Tarkovskji, Isaac Newton, Rudolf Steiner, Pierre Teilhard de Chardin, Albert Schweitzer, tra gli altri) a interpretare gli arcani che costellano lo scritto redatto da Giovanni nell’isola di Patmos. 

 

Attualità, 2022-14

M. Perroni, B. Salvarani (a cura di), Guardare alla teologia del futuro

Dalle spalle dei nostri giganti

Domenico Segna

I curatori del volume hanno interpellato studiosi e teologi ai quali è stato chiesto di presentare il loro specifico «gigante» di riferimento, facendo risuonare – sulla falsariga di quanto sulle sue pagine Il Regno fa dal n. 16 del 2020 per i grandi che hanno lasciato la propria impronta nel panorama del postconcilio – il celebre aforisma reso noto da Giovanni di Salisbury.

Attualità, 2022-12

E. Durand, Gesù contemporaneo

Cristologia breve e attuale

Domenico Segna

Domenicano francese, Emmanuel Durand nell’attuale panorama teologico porta uno sguardo decisamente innovativo in ordine agli studi dedicati alla cristologia, se non altro per la metodologia adottata. L’autore, infatti, nell’affrontare la figura di Gesù Cristo, al classico impianto tipico della dogmatica affianca una raffinata elaborazione intellettuale che coniuga la prospettiva filosofica con l’apporto esperienziale e storico.