A
Attualità
Attualità, 6/2023, 15/03/2023, pag. 158

Cinema – Close: che cos’è un’amicizia

Arianna Prevedello

Il Grand prix del Festival di Cannes è il premio più importante dopo la Palme d’or: il regista e sceneggiatore Lukas Dhont si è guadagnato il superbo riconoscimento nell’edizione della kermesse del 2022, dopo aver già conquistato nel 2018 la Caméra d’or per Girl, come miglior opera d’esordio. Classe 1991, in bilico tra realismo ed evocazioni simboliche, Dhont fin da subito si è incamminato verso un itinerario narrativo che mette a fuoco con rara delicatezza le trasformazioni della giovinezza e i processi di sviluppo dell’identità.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-10

Cultura - Cinema: raccontare l’omosessualità

Sì, ma di per sé non basta

Arianna Prevedello

Il «cinema omosessuale non serve agli omosessuali» è il titolo del primo dibattito della 6a edizione di Pro e contro, ciclo di dibattiti dell’associazione studentesca Società di dibattiti pavese, che si è tenuto il 7 maggio presso l’Auditorium di San Tommaso a Pavia.

Attualità, 2024-8

Cultura - Cinema: di chi sono figli i figli?

Adozione, affido e discendenza visti dalla cinepresa

Arianna Prevedello

Negli ultimi anni la genitorialità non biologica, di cui si fa esperienza attraverso l’istituto dell’affido e dell’adozione, è sempre più al centro della narrativa cinematografica. Senza dubbio emerge anche una particolare attenzione per tutte quelle situazioni di passaggio come le case famiglia o le comunità educative, altrettanto attive nel creare un clima domestico con un’attenzione educativa e di cura autorevole e amorevole.

Attualità, 2024-6

Cinema - Oscar: lo sguardo che interroga

La zona d’interesse e Povere creature!

Arianna Prevedello

Nell’anno in cui la cerimonia degli Oscar è sbarcata in un orario ancora fruibile sulla nostra TV pubblica le sorprese concesse dalle iconiche statuette sono state davvero poche, sebbene la conduzione di Jimmy Kimmel – assolutamente uno spasso a cui non siamo abituati – abbia assicurato una maratona più che godibile.