D
Documenti
Documenti, 5/1996, 01/03/1996, pag. 164

Il servizio pastorale nella parrocchia. Direttive per diaconi e laici (Red.)

Red.
"Il riordino dei servizi pastorali" è il tema de Il servizio pastorale nella parrocchia, testo approvato durante l'assemblea generale dell'episcopato tedesco a Fulda il 28 settembre 1995 e reso noto il 26 ottobre. Si tratta di una "piattaforma" che fornisce criteri generali per valutare nelle singole diocesi ruoli e competenze dei servizi pastorali svolti da laici e da ministri ordinati. Il testo (cf. Regno-att. 2,1996,46) afferma innanzitutto che "il servizio di pastore e direttore della comunità è inscindibilmente legato alla presidenza della celebrazione dell'eucaristia e (che) viene compiuto da un sacerdote", ma senza escludere "il problema di nuove vie d'accesso al sacerdozio". Da un lato i parroci devono essere disponibili a delegare "facoltà e competenze" e i fedeli non possono pretendere dai ministri ordinati "che si occupino di tutto" e in maniera esclusiva. Dall'altro lato i diversi collaboratori pastorali devono dimostrare "capacità e disponibilità a un'azione comune svolta in modo coordinato". In tal modo, ai laici possono essere affidati compiti di direzione della parrocchia o anche di presidenza di "celebrazioni liturgiche", fermo restando che "la responsabilità generale" rimane al parroco.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

Culto dei defunti . COVID-19: aboliti i funerali?

Le necessità di un ripensamento della libertà religiosa in un contesto d’emergenza

Anna Gianfreda

Le note riflessioni sullo spessore psicologico, antropologico, filosofico e finanche teologico sul significato della ritualità funebre sembrano tanto più valide in un momento come l’attuale, nel quale sono proprio le domande sul senso dell’esistenza e la diffusa percezione della fragilità umana e della prossimità della morte a porre in risalto gli aspetti cruciali del fascio di libertà religiose, oltre che esistenziali, che ruotano attorno al culto dei defunti e gli irrinunciabili connotati giuridico-teologici che animano la liturgia delle esequie in ambito cattolico, ma non solo.

 

Attualità, 2019-10

J. Wicks, Investigating Vatican II

Gilfredo Marengo

Trascorso più di mezzo secolo dalla celebrazione del Vaticano II, l’interesse della riflessione teologica si mantiene doverosamente vivo nei confronti di quell’eccezionale evento ecclesiale. Non è allora casuale che J. Wicks – direttore emerito del Dipartimento di teologia fondamentale della Gregoriana – dichiari l’intenzione di favorire una rinnovata recezione (re-reception) del Concilio medesimo, cogliendo acutamente i tratti di novità del pontificato di Francesco, il primo papa davvero postconciliare, e i modi con cui, soprattutto a partire da Evangelii gaudium, vengono rilanciati i temi e il metodo originali del Vaticano II

Attualità, 2019-6

M. Missiroli, Fedeltà

Gilfredo Marengo

Con Fedeltà Marco Missiroli prende di petto le relazioni affettive adulte e stabili: ne legge la complessità, il procedere mai lineare, senza per questo rinunciare a spendersi per traguardarne gli intrecci con il desiderio di ribadire che vale la pena scommettere sugli affetti, ma occorre essere avvertiti che tanto l’amore è decisivo per ogni uomo e ogni donna, tanto tradisce le attese quando viene enfatizzato come unico dio cui essere devoti.