D
Documenti
Documenti, 5/1996, 01/03/1996, pag. 130

Urge la vera pace (Red.)

Red.
Giovanni Paolo II torna in America Centrale dopo 13 anni. Il suo LXIX viaggio pastorale, che ha avuto luogo dal 5 al 12 febbraio, ha toccato Guatemala, Nicaragua, El Salvador, e si è concluso in Venezuela, dove il papa era stato 11 anni or sono. È la prima visita, dopo la "caduta dei muri", in quell'area che fu teatro di "una continua lotta, di vasti interessi strategici, per far prevalere, anche con sistemi violenti, ideologie politiche ed economiche opposte, come il marxismo e il capitalismo sfrenati". Rispetto al precedente viaggio, trova sì un clima di maggiore libertà, ma anche una pacificazione della società pressoché ancora tutta da costruire, un incremento della criminalità e della delinquenza, un allargato divario tra ricchi e poveri. Pubblichiamo: – il discorso di arrivo, pronunciato all'aeroporto di Ciudad de Guatemala, lunedì 5.2.1996; – il saluto di commiato dal Nicaragua, pronunciato all'aeroporto di Managua, mercoledì 7 febbraio; – l'omelia della santa messa celebrata sulla spianata "Siglo XXI" di San Salvador, giovedì 8 febbraio.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-8

Culto dei defunti . COVID-19: aboliti i funerali?

Le necessità di un ripensamento della libertà religiosa in un contesto d’emergenza

Anna Gianfreda

Le note riflessioni sullo spessore psicologico, antropologico, filosofico e finanche teologico sul significato della ritualità funebre sembrano tanto più valide in un momento come l’attuale, nel quale sono proprio le domande sul senso dell’esistenza e la diffusa percezione della fragilità umana e della prossimità della morte a porre in risalto gli aspetti cruciali del fascio di libertà religiose, oltre che esistenziali, che ruotano attorno al culto dei defunti e gli irrinunciabili connotati giuridico-teologici che animano la liturgia delle esequie in ambito cattolico, ma non solo.

 

Attualità, 2019-10

J. Wicks, Investigating Vatican II

Gilfredo Marengo

Trascorso più di mezzo secolo dalla celebrazione del Vaticano II, l’interesse della riflessione teologica si mantiene doverosamente vivo nei confronti di quell’eccezionale evento ecclesiale. Non è allora casuale che J. Wicks – direttore emerito del Dipartimento di teologia fondamentale della Gregoriana – dichiari l’intenzione di favorire una rinnovata recezione (re-reception) del Concilio medesimo, cogliendo acutamente i tratti di novità del pontificato di Francesco, il primo papa davvero postconciliare, e i modi con cui, soprattutto a partire da Evangelii gaudium, vengono rilanciati i temi e il metodo originali del Vaticano II

Attualità, 2019-6

M. Missiroli, Fedeltà

Gilfredo Marengo

Con Fedeltà Marco Missiroli prende di petto le relazioni affettive adulte e stabili: ne legge la complessità, il procedere mai lineare, senza per questo rinunciare a spendersi per traguardarne gli intrecci con il desiderio di ribadire che vale la pena scommettere sugli affetti, ma occorre essere avvertiti che tanto l’amore è decisivo per ogni uomo e ogni donna, tanto tradisce le attese quando viene enfatizzato come unico dio cui essere devoti.