D
Documenti
Documenti, 5/2014, 01/03/2014, pag. 131

Non entrate in una corte. Alla concelebrazione con i cardinali

Francesco
«La Chiesa ha bisogno di voi, della vostra collaborazione e prima ancora della vostra comunione con me e tra di voi». Così papa Francesco nella sua allocuzione, lo scorso 22 febbraio, in occasione del Concistoro ordinario pubblico per la creazione di 19 nuovi cardinali, i primi del suo pontificato. La «santità di un cardinale», ha detto nell’omelia del giorno seguente, consiste in un «supplemento di oblatività gratuita. Pertanto, amiamo coloro che ci sono ostili; benediciamo chi sparla di noi; (…) non aspiriamo a farci valere, ma opponiamo la mitezza alla prepotenza; dimentichiamo le umiliazioni subite». La stessa omelia si è conclusa con un’affermazione che ha trovato ampia eco sui media: «Il cardinale entra nella Chiesa di Roma, fratelli, non entra in una corte. Evitiamo tutti e aiutiamoci a vicenda a evitare abitudini e comportamenti di corte: intrighi, chiacchiere, cordate, favoritismi, preferenze». Il Concistoro si è segnalato anche per la presenza, accanto ai cardinali, del papa emerito Benedetto XVI, che ha inoltre confermato – in una lettera a un noto quotidiano – l’indiscutibile validità della sua storica rinuncia (cf. riquadro a p. 132).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

E. Husserl, La preghiera e il divino

Scritti etico-religiosi

Francesco Pistoia

Gli studi di Angela Ales Bello, già docente di Storia della filosofia contemporanea alla Pontificia università lateranense, su Edmund Husserl sono un contributo robusto alla conoscenza del grande filosofo austriaco-tedesco, che tanta influenza ha esercitato sulla cultura europea del Novecento.

Documenti, 2022-19

Torniamo al Concilio!

Omelia nel 60° anniversario dell’inizio del concilio ecumenico Vaticano II

Francesco

«Quante volte, dopo il Concilio, i cristiani si sono dati da fare per scegliere una parte nella Chiesa, senza accorgersi di lacerare il cuore della loro Madre! Quante volte si è preferito essere “tifosi del proprio gruppo” anziché servi di tutti, progressisti e conservatori piuttosto che fratelli e sorelle, “di destra” o “di sinistra” più che di Gesù… Superiamo le polarizzazioni e custodiamo la comunione, diventiamo sempre più “una cosa sola”, come Gesù ha implorato prima di dare la vita per noi». L’11 ottobre, memoria di San Giovanni XXIII che indisse e aprì il concilio ecumenico Vaticano II, papa Francesco ha presieduto nella basilica di San Pietro la celebrazione eucaristica in occasione del 60° anniversario del suo inizio, l’11 ottobre 1962. Nell’omelia pronunciata nel corso della messa ha lanciato un appello all’unità della Chiesa cattolica, denunciando la polarizzazione e l’opposizione alle riforme conciliari come opera del diavolo. 

Il 10 ottobre anche la Segreteria generale del Sinodo ha pubblicato un Messaggio in occasione del 60° anniversario dell’apertura del concilio ecumenico Vaticano II, in cui afferma che «scopo del Sinodo era e rimane quello di prolungare, nella vita e nella missione della Chiesa, lo stile del concilio Vaticano II, nonché di favorire nel popolo di Dio la viva appropriazione del suo insegnamento» (cf. in questo numero a p. 592).

 

Attualità, 2022-18

Papa – Guerra in Ucraina: che cosa deve ancora succedere?

Francesco

A poco più di sette mesi dall’inizio della guerra che Vladimir Putin ha mosso contro l’Ucraina il 24 febbraio scorso, il papa nel discorso che ha preceduto la preghiera dell’Angelus del 2 ottobre ha per la prima volta sistematizzato il pensiero suo e della Santa Sede sulle parti in conflitto, sui negoziati possibili, sul rischio di un’escalation nucleare come punto di non ritorno.