D
Documenti
Documenti, 21/2017, 05/12/2017, pag. 699

Indice / Documenti - 2017

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-2

Francesco - Alla curia e al corpo diplomatico: no alle ideologie

Globalizzazione dei problemi e mondanità spirituale

Gianfranco Brunelli

Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022, gli appuntamenti tradizionali con la curia e il corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede consentono al papa di fare un bilancio dell’anno trascorso e delle dinamiche in atto all’interno della Chiesa. A questi s’aggiunge il tradizionale Messaggio per la Giornata mondiale della pace. L’insieme dei tre appuntamenti riserva annotazioni utili per comprendere lo svolgimento del pontificato. Due sono i temi centrali: la globalizzazione dei problemi e il rischio di risposte ideologiche.

 

Attualità, 2022-2

Dibattito - Diritto canonico: a che scopo?

Ripensare il diritto canonico per riformare la Chiesa

Pierluigi Consorti

Negli ultimi anni si sono presentate diverse occasioni d’incertezza che hanno coinvolto non solo la canonistica, ma il diritto canonico come tale e persino il legislatore. Sullo sfondo permane il grande tema del difficile rapporto fra teologia e diritto, che si svolge in termini accademici, ancora privi di conseguenze pratiche.

 

Attualità, 2022-2

Diritto canonico – Riforma. Con un metodo di ampio raggio

Salvatore Berlingò

Credo d’aver dato prova, in tempi non sospetti, del mio apprezzamento per l’idea già in passato espressa da Pierluigi Consorti sull’opportunità di una riforma del diritto canonico che non partisse dal «centro», procedendo in senso «verticale», ma coinvolgesse tutti gli operatori ecclesiali, ponendola al servizio di ogni genere di umana «periferia» (nelle più svariate accezioni, «esistenziali», oltre che «geografiche»). Non posso, quindi, non condividere la tesi di Consorti che afferma che di ciò dovremmo davvero farci carico, in quanto canonisti (ed ecclesiasticisti), come e più di altri studiosi della fenomenologia giuridica.