D
Documenti
Documenti, 3/2018, 01/02/2018, pag. 91

Riconoscere e difendere i diritti dell’uomo

Discorso al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede

Francesco

L’8 gennaio il tradizionale incontro per lo scambio degli auguri di inizio anno tra il papa e il corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede è stato l’occasione per stilare un bilancio dei mesi trascorsi e tracciare le linee di sviluppo della diplomazia vaticana per quelli a venire, precisando che «nel rapporto con le autorità civili, la Santa Sede non mira ad altro che a favorire il benessere spirituale e materiale della persona umana e la promozione del bene comune». Nel suo discorso, il papa ha riportato al centro il tema dei diritti umani, cogliendo l’occasione del 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948: «Per la Santa Sede, infatti, parlare di diritti umani significa anzitutto riproporre la centralità della dignità della persona, in quanto voluta e creata da Dio a sua immagine e somiglianza». Partendo da questo assunto, Francesco ha poi concretizzato le sue parole, affermando la necessità di difendere la vita, promuovendo la pace, così come politiche a sostegno della famiglia, e intraprendendo azioni positive di accoglienza e integrazione nei confronti dei migranti. In conclusione del discorso ha infine richiamato, accanto ai diritti, i necessari doveri che ognuno di noi ha nei confronti degli altri, per soddisfare le esigenze di giustizia che tengono legata una comunità. Tra gli elementi di maggiore preoccupazione della Santa Sede vi è la questione di Gerusalemme, di recente riaccesasi in seguito alla decisione dell’Amministrazione USA di trasferirvi la sede della propria ambasciata in Israele (cf. qui a p. 99).

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

G. Boccaccini, Le tre vie di salvezza di Paolo l’ebreo

L’apostolo dei gentili nel giudaismo del I secolo

Francesco Pieri

Si tratta dell’edizione accresciuta del libro dello stesso autore Paul’s Three Paths of Salvation (Grand Rapids 2020): rispetto all’edizione americana tale revisione si caratterizza per una più marcata preoccupazione divulgativa verso il pubblico italiano, rimasto fino a oggi piuttosto distante dalle istanze della nuova corrente anglosassone di studi su Paolo, che suole denominarsi «Paul within Judaism Perspective», con cui l’autore intreccia qui un dibattito serrato.

 

Attualità, 2022-16

E. Stein, Lettere I (1916-1933)

Francesco Pistoia

Questa prima sezione del piano completo delle opere di Edith Stein comprende l’epistolario e, utile strumento introduttivo, Dalla vita di una famiglia ebrea e altri scritti autobiografici.

 

Documenti, 2022-15

Desiderio desideravi

Lettera apostolica sulla formazione liturgica del popolo di Dio

Francesco

«Sarebbe banale leggere le tensioni, purtroppo presenti attorno alla celebrazione, come una semplice divergenza tra diverse sensibilità nei confronti di una forma rituale. La problematica è anzitutto ecclesiologica. Non vedo come si possa dire di riconoscere la validità del Concilio… e non accogliere la riforma liturgica nata dalla Sacrosanctum Concilium, che esprime la realtà della liturgia in intima connessione con la visione di Chiesa mirabilmente descritta dalla Lumen gentium. Per questo – come ho spiegato nella lettera inviata a tutti i vescovi – ho sentito il dovere di affermare che “i libri liturgici promulgati dai santi pontefici Paolo VI e Giovanni Paolo II, in conformità ai decreti del concilio Vaticano II, sono l’unica espressione della lex orandi del Rito romano”». Il 29 giugno è stata pubblicata la lettera apostolica Desiderio desideravi sulla formazione liturgica del popolo di Dio, con la quale papa Francesco ha inteso approfondire quanto disposto dal motu proprio Traditionis custodes del 2021 sull’uso della liturgia romana anteriore alla riforma del 1970.

La lettera Desiderio desideravi chiarisce definitivamente che rifiutare la riforma liturgica equivale a rifiutare il concilio Vaticano II.