A
Attualità
Attualità, 10/1989, 15/05/1989, pag. 295

Taccuino di un miglioramento

A. C.

Leggi anche

Documenti, 2022-3

La crisi della diplomazia multilaterale

Francesco al corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede

«Occorre… recuperare il senso della nostra comune identità di unica famiglia umana. L’alternativa è solo un crescente isolamento, segnato da preclusioni e chiusure reciproche che di fatto mettono ulteriormente in pericolo il multilateralismo, ovvero quello stile diplomatico che ha caratterizzato i rapporti internazionali dalla fine della seconda guerra mondiale». Nel discorso al corpo diplomatico presso la Santa Sede per lo scambio degli auguri per il nuovo anno, il 10 gennaio, papa Francesco ha evidenziato la crisi di fiducia che attraversa da tempo la diplomazia multilaterale, e che rende il sistema delle relazioni internazionali «sempre meno efficace nell’affrontare le sfide globali». Tra esse c’è ancora la pandemia, ma soprattutto ci sono la questione migratoria e la crisi climatica.

Si collega a questo problema anche il richiamo, inedito, ai rischi della cosiddetta «cancel culture», atteggiamento di colpevolizzazione, di solito espresso tramite i social media, nei confronti di personaggi pubblici o aziende che avrebbero detto o fatto qualche cosa di offensivo o politicamente scorretto e ai quali vengono pertanto tolti sostegno e gradimento: «La diplomazia multilaterale è chiamata perciò a essere veramente inclusiva, non cancellando ma valorizzando le diversità e sensibilità storiche che contraddistinguono i vari popoli».

 

Attualità, 2021-20

G.C. Caselli, G. Lo Forte, La giustizia conviene

Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età

Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Oggi parlare di legalità e giustizia in termini credibili non è facile. Molti, fra i giovani ma non soltanto, sono naturalmente portati a considerare le regole con un certo fastidio (…) anche perché, purtroppo, gran parte della società subisce l’influenza di modelli negativi che, quanto a rispetto delle regole, predicano bene e razzolano male (…) A diffondere questo clima di sfiducia, hanno giocato un ruolo-chiave (nel recente passato) i condoni che hanno annullato, per esempio, le pene per evasori fiscali e costruttori abusivi e le leggi mirate su specifici, particolari interessi: insomma, interventi grazie ai quali chi ruba o evade le tasse per milioni di euro sconta lievi condanne e non va in prigione. 

Attualità, 2021-8

Giovanni Nervo: la rivoluzione della carità

Gian Carlo Perego

A cinquant’anni dalla nascita di Caritas italiana, se non è ancora facile fare un bilancio storico-pastorale di questo nuovo organismo pastorale – voluto da Paolo VI e istituito dal card. Poma, presidente della CEI, con decreto del 2 luglio 1971 –, è certamente più facile delineare il grande contributo che diede don Giovanni Nervo (1918-2013), primo presidente (1971-1976) dell’organismo pastorale della Chiesa italiana, di cui poi fu vicepresidente e direttore fino al 1986.