A
Attualità
Attualità, 8/2015, 15/09/2015, pag. 546

R. La Valle, Chi sono io, Francesco?

Giancarlo Azzano

Lungo questo libro si respira il sentimento d’affetto e gioia dell’autore per la novità che sta portando il pontificato di Francesco nella Chiesa. Il testo può essere letto come esposizione della linea pastorale del papa ma anche come risposta ai tanti suoi critici. Infatti, non sono pochi dentro e fuori la Chiesa quelli che lo rimproverano di non dar seguito alle riforme promesse, o anche quelli che lo accusano di portare la Chiesa alla «deriva». Per il cardinale W. Kasper, Bergoglio è un intelligente conservatore. Gli fa eco La Valle: «Sul piano dottrinale non è un progressista e infatti molti progressisti non lo amano», perché i suoi punti di riferimento sono parte integrante della tradizione della Chiesa e della Compagnia di Gesù, come il culto mariano e la devozione popolare. Ma per l’autore queste critiche appaiono povere rispetto ai contenuti di tutta la sua attività pastorale.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-16

F. Lopes, R. Mancini, Per una democrazia post-razziale

Lettera aperta ai vescovi dell’Italia e dell’Africa sul problema dell’immigrazione

Giancarlo Azzano

Il «popolo del Ghana ama ricordare che la saggezza è come un baobab: una sola persona non può abbracciarla». Allo stesso modo il problema dell’emigrazione si risolve solo con il dialogo e l’accoglienza reciproca fra africani e italiani. Il testo si compone di due lettere saggio. La prima è scritta da Filomeno Lopes, giornalista di origine africana che lavora per Radio Vaticana, l’altra è del filosofo Roberto Mancini. Entrambe sono una denuncia delle condizioni di vita degli emigranti africani in Italia. 

Attualità, 2021-8

V. Rosito, Theodor W., Minima moralia

Giancarlo Azzano

La società di massa, composta da individui atomizzati, regolata dal sistema dei bisogni e dei consumi, trova in Adorno un interprete e un critico molto lucido. Nella sua opera Minima moralia, scritta 70 anni fa, riesce a illuminare l’identità sfuggente e alienata del mondo industrializzato. Il filosofo, esponente di spicco della Scuola di Francoforte, ha scelto di riflettere sul tema in forma aforistica: in 304 frammenti getta uno sguardo disincantato sulla società massificata, dominata dalla razionalità scientifica e dalla tecnocrazia.

 

Attualità, 2020-20

A. Metalli, Quarantena – Cuarentena

Diario dalla «peste» in una bidonville argentina – Diario desde la «peste» en una villa miseria argentina

Giancarlo Azzano

Riflessioni e racconti sono intrecciati, dando allo scritto un carattere rapsodico e nello stesso tempo incisivo, senza indulgere in facili sentimentalismi, conservando così la drammaticità della vita in questo ambiente fatto d’ingiustizia sociale, di esistenze rassegnate, e tuttavia desiderose di vita. Il testo, il cui ricavato andrà alla casa per anzioni della villa, nella seconda parte è scritto anche in spagnolo.