A
Attualità
Attualità, 20/2016, 15/11/2016, pag. 611

R. Agasso, D. Agasso jr, Il difensore dei deboli

La straordinaria avventura del venerabile Teresio Olivelli

Francesco Pistoia

Teresio Olivelli è raccontato con dati storici ben vagliati, con le testimonianze di compagni di scuola, di soldati, di amici, di studiosi. Con riferimento alle sue lettere sempre ricche di senso del dovere e d’affetto per i genitori, i familiari, gli amici, la Chiesa, il mondo. Don Mazzolari lo definisce «lo spirito più cristiano del nostro secondo Risorgimento». I due autori ne penetrano l’anima, il pensiero, la santità. Con lo stile con cui da anni ricostruiscono storie e biografie.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

E. Husserl, La preghiera e il divino

Scritti etico-religiosi

Francesco Pistoia

Gli studi di Angela Ales Bello, già docente di Storia della filosofia contemporanea alla Pontificia università lateranense, su Edmund Husserl sono un contributo robusto alla conoscenza del grande filosofo austriaco-tedesco, che tanta influenza ha esercitato sulla cultura europea del Novecento.

Attualità, 2022-16

E. Stein, Lettere I (1916-1933)

Francesco Pistoia

Questa prima sezione del piano completo delle opere di Edith Stein comprende l’epistolario e, utile strumento introduttivo, Dalla vita di una famiglia ebrea e altri scritti autobiografici.

 

Attualità, 2022-12

M. Saldaña Mostajo, Charles De Foucauld

Fratello incompiuto e santo

Francesco Pistoia

L’autrice del libro, la spagnola Margarita Saldaña Mostajo, traccia il profilo biografico di fratel Carlo senza trascurare ombre e fallimenti e mettendo in luce i momenti significativi della sua ricerca spirituale. Quando Charles riscopre la fede, quando si converte, lascia tutto, si stacca con sofferenza dai nonni «eccellenti», dalla sorella Marie, da familiari e amici. Un giorno dirà: «Nel mio passato non trovo altro che bontà e ragione di gratitudine» (24).