A
Attualità
Attualità, 4/2020, 15/02/2020, pag. 74

Osservatorio – Sinodi: vasto movimento

Maria Elisabetta Gandolfi

Non solo in Germania o in Vaticano. Con nomi e modalità differenti, sia che si tratti di assemblee diocesane, regionali o nazionali, il percorso sinodale avviato e insistito da papa Francesco procede. Elenchiamo alcune di queste esperienze senza pretesa di esaustività, ma con l’idea di continuare a monitorare questi movimenti all’interno della Chiesa universale e locale.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-10

Italia - Teologia: Chiesa e mondo degli affetti

Maria Elisabetta Gandolfi

Pochi mesi dopo l’elezione a pontefice, papa Francesco prese una decisione che ha costituito una delle principali innovazioni del suo pontificato (cf. Regno-att. 20,2013,627): la convocazione (8 ottobre 2013) della III Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei vescovi (che per statuto prevede una «lmateria da trattare [che] pur riguardando il bene della Chiesa universale, esige una rapida definizione»), da celebrarsi l’anno successivo sul tema «Le sfide pastorali della famiglia nel contesto dell’evangelizzazione».

 

Attualità, 2022-10

R. Fusco, G. Rocca, S. Vita, Le nuove forme di vita consacrata

Una vocazione della Chiesa e nella Chiesa. Convegno del 3-5 novembre 2016

Maria Elisabetta Gandolfi

Solo chi lavora nel campo editoriale può immaginare la miriade di motivi per i quali gli atti di un convegno – celebrato nel 2016 – siano usciti (5) anni dopo. Eppure a sfogliare i testi delle relazioni (in lingua originale) si trovano riflessioni tutt’altro che superate. Si parla poi di come sono sorte ed evolute queste circa 700 «nuove forme di vita consacrata» a cavallo del Concilio, come risposta a un periodo di crisi della vita ecclesiale.

Attualità, 2022-8

Media - Abusi e violenze sui minori: la conversione necessaria

Intervista a p. Federico Lombardi

Maria Elisabetta Gandolfi
Padre Lombardi, lei è stato direttore della Sala stampa vaticana in una delle «emergenze» mediatiche che hanno colpito il pontificato di Benedetto XVI. Quali sono state le lezioni più importanti che ne ha tratto? «Innanzitutto ho compreso che si trattava del venire alla luce di un problema molto grande, che coglieva di sorpresa molte persone e richiedeva un vero cambiamento...