A
Attualità
Attualità, 6/2020, 15/03/2020, pag. 150

Nuovi movimenti - Caso Vanier: l’Arca e le macerie

Maria Elisabetta Gandolfi

Sul caso Jean Vanier è stato ormai scritto tutto e, lodevolmente, la fonte principale delle informazioni è L’Arche International stessa – l’ente che coordina le diverse realtà fondate da Vanier – che, per bocca dei suoi responsabili Stephan Posner e Stacy Cates-Carney, ha rese note il 22 febbraio le conclusioni di un’inchiesta affidata a un organismo indipendente britannico.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-22

Francia - Rapporto CIASE: l’eco, i fatti

La guerra dei numeri e il processo di riforma della Chiesa francese

Maria Elisabetta Gandolfi

La presentazione del Rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (CIASE) il 5 ottobre scorso (cf. Regno-att. 20, 2021, 552; Regno-doc. 19, 2021, 615) ha provocato molte reazioni sia in Francia sia Oltralpe, intrecciando piano civile ed ecclesiale. Avendo infatti allargato la portata dell’analisi a tutta la popolazione e paventando cifre piuttosto consistenti del fenomeno, il testo ha aperto un dibattito che ha portato a sensibili spaccature.

 

Attualità, 2021-22

F. Pinotti, La setta divina

Il Movimento dei focolari fra misticismo, abusi e potere

Maria Elisabetta Gandolfi

La voce dei «fuoriusciti» è sempre «di parte». Tanto più quando questi patiscono ingiustizie e, a maggior ragione, violenze fisiche, psichiche o spirituali. E il libro del giornalista Ferruccio Pinotti, che ha condotto un’ampia inchiesta, accedendo a fonti in alcuni casi inedite, dà loro voce. Molte le questioni anche provocatorie che il testo solleva. 

Attualità, 2021-22

F. Zambon, Il pesce piccolo

Una storia di virus e di segreti

Maria Elisabetta Gandolfi

Il libro ricostruisce con le parole (certamente) risentite dell’interessato la pressione con cui l’OMS e la struttura che s’interfacciava con il Governo italiano ha tentato in molti modi di spingerlo al silenzio, isolandolo, accusandolo d’aver mentito, invocando l’immunità e il segreto d’ufficio che un funzionario dell’OMS è tenuto a osservare di fronte a due richieste di comparizione della magistratura bergamasca.