A
Attualità
Attualità, 6/2020, 15/03/2020, pag. 150

Nuovi movimenti - Caso Vanier: l’Arca e le macerie

Maria Elisabetta Gandolfi

Sul caso Jean Vanier è stato ormai scritto tutto e, lodevolmente, la fonte principale delle informazioni è L’Arche International stessa – l’ente che coordina le diverse realtà fondate da Vanier – che, per bocca dei suoi responsabili Stephan Posner e Stacy Cates-Carney, ha rese note il 22 febbraio le conclusioni di un’inchiesta affidata a un organismo indipendente britannico.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-16

Italia - Cammino sinodale: le virtù della via italiana

Presentata la sintesi della fase d’ascolto e il programma per il 2023

Maria Elisabetta Gandolfi

La Chiesa che forse ha meno brillato per prontezza, nel rispondere all’appello di papa Francesco alla sinodalità, ha ora prodotto una sintesi della fase d’ascolto tanto critica quanto costruttiva sulla direzione da intraprendere per la propria comunità ecclesiale. I temi sono stati raccolti attorno a 10 nuclei tematici che costituiscono altrettante chiavi interpretative per cogliere fragilità e risorse.

 

Attualità, 2022-16

Sinodo dei vescovi – XVI Assemblea generale ordinaria. È iniziata la tappa continentale

Maria Elisabetta Gandolfi

Con una conferenza stampa tenuta lo scorso 26 agosto, è stata presentata, dopo quella diocesana, la tappa continentale del Sinodo della Chiesa universale. Essa è pensata come un momento di restituzione alle Chiese locali, tramite la stesura di una «sintesi delle sintesi» – un primo Instrumentum laboris –, chiamata Documento per la tappa continentale e preparata da «esperti provenienti dai 5 continenti con diverse competenze e prospettive» entro fine ottobre.

 

Attualità, 2022-16

Russia - Michail Gorbačëv (1932-2022): la battaglia di Gorbačëv

Virtù e limiti di una memoria controversa. Il peso dell’ortodossia

Maria Elisabetta Gandolfi

La morte di Michail Gorbačëv avvenuta il 30 agosto scorso ha fatto toccare con mano quanto sia problematica la narrazione sulla memoria recente della storia russa e quale peso abbia la dissoluzione dell’«impero» sovietico nell’avallo dell’azione militare di Putin. Nel telegramma di condoglianze inviatogli da papa Francesco, il pontefice ricorda «con gratitudine il lungimirante impegno per la concordia e la fratellanza tra i popoli, come pure per il progresso del proprio paese in un’epoca di importanti cambiamenti».