A
Attualità
Attualità, 10/2021, 15/05/2021, pag. 296

Ebraismo – Gregoriana: una licenza in Studi giudaici

Piero Stefani

A oltre mezzo secolo di distanza, la dichiarazione conciliare Nostra aetate si conferma come la svolta decisiva nei rapporti tra la Chiesa cattolica e l’ebraismo. A partire da essa sono avvenuti molti fatti ed eventi che hanno ridefinito in profondità le relazioni cristiano-ebraiche. Nella dichiarazione si legge, tra l’altro, che, a motivo del grande patrimonio spirituale comune tra cristiani ed ebrei, occorre promuovere la reciproca conoscenza e stima che si ottengono sia attraverso studi «biblici e teologici» sia mediante un fraterno dialogo (n. 4; EV 1/865).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-20

P. Ghezzi, Creatura futura

Piergiorgio Cattani. Le parole che resistono

Piero Stefani

A un anno dalla morte (8 novembre 2020), Paolo Ghezzi, compagno di Piergiorgio Cattani nell’impegno politico e nell’avventura editoriale de Il Margine, ha dato alle stampe un’ampia raccolta di documentazioni, riflessioni e testimonianze dedicate all’amico scomparso. Il titolo Creatura futura è dotato di un valore a un tempo generale e locale. Quest’ultimo aspetto è dovuto al fatto che Futura è la denominazione del movimento politico trentino di cui Cattani fu presidente. 

 

Attualità, 2021-20

Bibbia a frammenti

Tra oralità e scrittura

Piero Stefani
L'origine delle parole è quasi sempre la porta principale che conduce alla loro comprensione. Non fa eccezione il termine «Corano»: in base all’etimo rimanda non all’idea di scrittura bensì a quella di recitazione. Non per nulla, all’interno dello stesso testo sacro dell’islam è contenuto l’ordine rivolto a Muammad di recitare il Corano...
Attualità, 2021-18

Cielo e terra

Cosa sono e perché te ne ricordi?

Piero Stefani
Quando succede un incidente o una disgrazia accorre gente; alcuni lo fanno per prestare soccorso, altri per guardare. Non bisogna essere grandi studiosi per cogliere i meccanismi psicologici che inducono certuni a sostare e altri a deprecare quel tipo di presenza. Se si tratta di un evento particolarmente tragico il pellegrinaggio e le critiche si prolungheranno nei giorni successivi. Le cose stanno...