A
Attualità
Attualità, 18/2021, 15/10/2021, pag. 582

A.J. Godzieba, Per una teologia della presenza e dell’assenza di Dio

Antonio Ballarò

Si apre con una domanda e si chiude con una risposta entrambe semplici il primo libro in traduzione italiana del teologo Anthony J. Godzieba, docente emerito alla Villanova University di Philadelphia, i cui interessi incrociano la teologia fondamentale, la fenomenologia e l’estetica. L’autore si domanda se «nel nostro mondo secolarizzato, consumistico, tecnologizzato, possiamo ancora fare esperienza del mistero di Dio» (5) e risponde positivamente, congiungendo la teologia trinitaria e l’immagine del Dio amore in un itinerario che sfida gli stereotipi che complicano la strutturazione del discorso di fede oggi.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-14

I. Bertoletti, Male pandemico, coscienza religiosa e libertà morale

Antonio Ballarò

Mette insieme dolore e pensiero il piccolo e-book di Ilario Bertoletti, direttore editoriale della casa editrice Morcelliana, grazie al duplice presente della pandemia e delle domande umane, troppo umane che incrociano sofferenza, coscienza e libertà. E non si può dire, infatti, che non ci sia niente di nietzschiano nel testo, che in tre capitoli tenta di delineare un’etica delle virtù affatto ignara del conflitto di valori che caratterizza la morale.

 

Attualità, 2020-18

S. Segoloni Ruta, Gesù, maschile singolare

Antonio Ballarò

L’autrice avanza l’idea che la ricomprensione del rapporto tra i sessi sia una questione sociale di livello globale, al pari di crisi come quella ecologica, la povertà o le migrazioni. Ricorre quindi intelligentemente all’enciclica di papa Francesco Laudato si’, estendendo al rapporto tra i sessi gli argomenti che il papa riserva al rapporto tra esseri umani e ambiente. A questo proposito, «la fede cristiana può essere una risorsa non solo per l’emancipazione femminile, ma anche per la ridefinizione dell’identità maschile» (15). Il percorso vorrebbe essere simile qui a quello collaudato per l’ebraicità di Gesù, sia pure senza «la stessa delicatezza» (20).