A
Attualità
Attualità, 22/2021, 15/12/2021, pag. 720

F. Zambon, Il pesce piccolo

Una storia di virus e di segreti

Maria Elisabetta Gandolfi

Il libro ricostruisce con le parole (certamente) risentite dell’interessato la pressione con cui l’OMS e la struttura che s’interfacciava con il Governo italiano ha tentato in molti modi di spingerlo al silenzio, isolandolo, accusandolo d’aver mentito, invocando l’immunità e il segreto d’ufficio che un funzionario dell’OMS è tenuto a osservare di fronte a due richieste di comparizione della magistratura bergamasca.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-8

Media - Abusi e violenze sui minori: la conversione necessaria

Intervista a p. Federico Lombardi

Maria Elisabetta Gandolfi
Padre Lombardi, lei è stato direttore della Sala stampa vaticana in una delle «emergenze» mediatiche che hanno colpito il pontificato di Benedetto XVI. Quali sono state le lezioni più importanti che ne ha tratto? «Innanzitutto ho compreso che si trattava del venire alla luce di un problema molto grande, che coglieva di sorpresa molte persone e richiedeva un vero cambiamento...
Attualità, 2022-6

Russia – Cirillo: l’omelia

Maria Elisabetta Gandolfi

Il 6 marzo, nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, il patriarca della Chiesa ortodossa russa Cirillo ha pronunciato l’omelia per la «Domenica del perdono», inizio della Quaresima ortodossa (https://bit.ly/3JcEGSn). Ne riprendiamo qualche stralcio dalla traduzione inglese di Bitter winter (https://bitterwinter.org/).

 

Attualità, 2022-6

G. Marengo, Chiesa sesso amore

Le relazioni «pericolose»

Maria Elisabetta Gandolfi

La nuova stagione aperta da papa Francesco, con la sua insistenza sulla cura della fragilità e dei rapporti famigliari feriti, rilancia la centralità del messaggio salvifico di un Dio che viene incontro a ogni uomo che rischia «la propria libertà nel grande “lavoro” del vivere e dell’amare»