A
Attualità
Attualità, 22/2021, 15/12/2021, pag. 720

M. Sticco, Armida Barelli

Una donna tra due secoli

Francesco Pistoia

Una vita tra due secoli, «anzi, tra due ere della civiltà della donna». Un percorso, dal 1882 al 1952, faticoso e ricco di conquiste. Armida Barelli nacque quando le ragazze «non uscivano da sole, né a capo scoperto, non studiavano nelle scuole maschili, non partecipavano alla vita pubblica, e morì quando le donne, anche giovanissime, godevano di piena libertà» (3). Il lavoro di Maria Sticco (1891-1984), collaboratrice della Barelli, apprezzabile per l’attenzione alle fonti e ai documenti e per la passione che lo anima, ci restituisce in questa nuova edizione una figura d’alto profilo ecclesiale, religioso, sociale.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-8

Francesco di Sales, Opere complete 8/2

Lettere (1605-1610)

Francesco Pistoia

L’epistolario di san Francesco di Sales (1567-1622) si compone di 6 volumi in più tomi. È pubblicato d’intesa tra la Federazione dei monasteri del centro-sud Italia e da Città Nuova, nella collana delle opere complete. 

 

Attualità, 2022-6

G. Antonazzi, Ai confini del Regno

Vita di don Giuseppe De Luca attraverso le lettere

Francesco Pistoia

Don Giovanni Antonazzi (1913-2007), funzionario della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, nel 1992 pubblica presso la Morcelliana con la prefazione di Loris Capovilla Don Giuseppe De Luca uomo cristiano e prete. La biografia, che segue quelle di Luisa Mangoni e di Romana Guarnieri, sa penetrare lo spirito di De Luca «ripresentandolo con straordinaria finezza e acutezza» (XIX).

Attualità, 2022-2

M. Fois, L’invenzione degli italiani

Dove ci porta Cuore

Francesco Pistoia

Marcello Fois conduce il lettore nella scuola dell’Italia appena unita: ecco la classe del maestro Perboni, ecco i suoi alunni, ragazzi generosi e turbolenti (che forse oggi chiameremmo bulli). Ecco Coraci, il fanciullo calabrese che un bel giorno il direttore affida al maestro. De Amicis scrive un racconto «utopico» (57), l’unico «classico» della letteratura italiana non scaturito da esigenze letterarie ma «da un impegno etico preciso» (24). Se «siamo italiani e brava gente, lo dobbiamo anche a Cuore» (89).