A
Attualità
Attualità, 14/2022, 15/07/2022, pag. 440

A. Maggi, Bernadette

La vera storia di una santa imperfetta

Maria Elisabetta Gandolfi

Povera Bernadette, neppure la statua a lei dedicata dopo la morte le somigliava! Perché l’artista, che doveva solo fare un calco del volto, l’ha così idealizzata d’averla resa finta. Questo piccolo dettaglio che chiude il racconto appassionato del servita e biblista Maggi sulla piccola santa dei Pirenei francesi è emblematico di una vicenda sfruttata e deformata sin dall’inizio, di una santità tanto reale quanto umile da dover richiedere ancor oggi, a distanza di 164 anni dalle apparizioni nella grotta di Massabielle (1858) d’essere raccontata, sfrondata dalle molte verità che tantissimi hanno preteso di vedere sulla vicenda e dai toni miracolistici che piacciono tanto anche a noi contemporanei.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2024-10

V. Bassan, Riavviare il sistema

Come abbiamo rotto Internet e perché tocca a noi riaggiustarla

Maria Elisabetta Gandolfi

Autore di Ellissi, l’accurata newsletter sulla comunicazione digitale – leggendo la quale s’imparano sempre cose nuove – oggi il giornalista Valerio Bassan si cimenta nel suo primo libro che è allo stesso tempo una «storia di Internet» e un manifesto per cambiare il mondo digitale in cui siamo immersi e di cui non possiamo fare a meno.

Attualità, 2024-10

Sinodo – Preti: la crisi c’è ed è un kairos

Maria Elisabetta Gandolfi

Sin dall’inizio del lungo percorso del Sinodo della Chiesa universale è stato infatti chiaro che i preti e in particolare i parroci sono una fondamentale leva per far sì che il Sinodo non si riduca a un evento ma diventi un nuovo stile ecclesiale.

 

Attualità, 2024-10

Italia - Violenze e abusi: le vittime nei podcast

Una questione sistemica, la variabile tempo, quale via per il cambiamento

Maria Elisabetta Gandolfi

Un podcast, anzi due. E siamo sempre allo stesso punto. La domanda che ritorna è: perché in Italia la questione pedofilia nella Chiesa non scoppia?