D
Documenti
Documenti, 15/2010, 01/09/2010, pag. 460

Delicta graviora: Riforma necessaria. Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica

Congregazione per la dottrina della fede
A distanza di nove anni dalla Sacramentorum sanctitatis tutela, il motu proprio con cui Giovanni Paolo II aveva promulgato le Normae de gravioribus delictis riservati alla Congregazione per la dottrina della fede (Regno-doc. 3,2002,90), tale dicastero ne realizza una parziale riforma, «al fine di migliorarne l’ope ra tività concreta». Allora come oggi, tra questi «delitti più gravi» spicca quello della violenza sessuale perpetrata da un sacerdote ai danni di un minore, che è al centro della presente, grave crisi ecclesiale. Ma il documento si riferisce anche ad altri delitti: contro la fede e contro i sacramenti dell’eucaristia, della penitenza e dell’ordine. Per far comprendere all’opinione pubblica il ruolo di queste Norme emendate nel contesto di tale crisi, e insieme la loro collocazione nell’ordinamento canonico vigente, la Santa Sede ne ha accompagnato la pubblicazione con un’«Introduzione storica» e una «Breve relazione circa le modifiche introdotte», oltre che con una nota della Sala stampa: cf. riquadro a p. 459 e ampiamente Regno-att 14,2010,436, cf. anche in questo numero alle pp. 470-483.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2021-21

Osservazioni sull’ospitalità eucaristica

Congregazione per la dottrina della fede

Il 18 settembre 2020 il card. Luis F. Ladaria, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede (CDF), ha indirizzato al presidente della Conferenza episcopale tedesca, mons. Georg Bätzing, una lettera – accompagnata da delle Osservazioni dottrinali sul documento «Insieme alla tavola del Signore» del Gruppo di lavoro ecumenico di teologi evangelici e cattolici in Germania – per affermare che la partecipazione comune di cattolici e protestanti all’eucaristia / Cena del Signore non è teologicamente giustificata. Secondo la CDF «le differenze dottrinali continuano a essere talmente importanti da escludere attualmente una partecipazione reciproca alla Cena/eucaristia». Inoltre «il documento non può neppure servire come guida per la decisione di coscienza individuale sulla partecipazione alla Cena/eucaristia». Queste obiezioni sono la reazione al documento congiunto del Gruppo di lavoro ecumenico dei teologi protestanti e cattolici (ÖAK, di cui è co-presidente mons. Bätzing) Insieme alla tavola del Signore sulla reciproca ospitalità eucaristica (Regno-doc. 11,2020,358). Secondo quanto dichiarato nella lettera, che è stata resa pubblica dal Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani l’8 febbraio 2021 insieme alle risposte del Gruppo di lavoro ecumenico, la CDF è intervenuta su sollecitazione della Congregazione per i vescovi.

Documenti, 2021-11

Sulla comunione ai politici pro aborto

Card. Luis F. Ladaria, prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, ai vescovi degli Stati Uniti

Dopo l’elezione del cattolico liberal Joe Biden alla Casa Bianca nel novembre 2020, una delle prime iniziative da parte di un gruppo di vescovi della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) è stata quella di trattare il problema della partecipazione alla comunione eucaristica da parte del presidente e della «confusione» che il ruolo di Biden avrebbe creato nei cattolici circa il vero insegnamento della Chiesa (cf. Regno-att. 6,2021,183), e formulare una linea di condotta (policy) nazionale sull’ammissione alla comunione di politici cattolici a favore delle leggi che permettono aborto, eutanasia o altri mali morali. Con una lettera datata 7 maggio al presidente della USCCB José Gomez, il prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, il card. Luis F. Ladaria, chiede ai vescovi di dare la priorità alla conservazione dell’unità tra loro nel discutere i temi riguardanti la vita. E nota che «sarebbe fuorviante» se una dichiarazione sull’indegnità di alcuni cattolici a ricevere la comunione «dovesse dare l’impressione che solo l’aborto e l’eutanasia costituiscono l’unico tema grave dell’insegnamento morale e sociale cattolico che domanda il massimo livello di responsabilità da parte dei cattolici».

Documenti, 2021-7

Non si benedicono le unioni omosessuali

Congregazione per la dottrina della fede

La Chiesa non dispone del potere di impartire la benedizione a unioni di persone dello stesso sesso. Lo afferma il Responsum della Congregazione per la dottrina della fede a un dubium circa la benedizione delle unioni di persone dello stesso sesso, pubblicato il 15 marzo insieme a una Nota esplicativa e a un Articolo di commento. Infatti «non è lecito impartire una benedizione a relazioni, o a partenariati anche stabili, che implicano una prassi sessuale fuori dal matrimonio (vale a dire, fuori dell’unione indissolubile di un uomo e una donna aperta di per sé alla trasmissione della vita), come è il caso delle unioni fra persone dello stesso sesso», perché tali unioni non sono ordinate «in funzione dei disegni di Dio iscritti nella Creazione e pienamente rivelati da Cristo Signore». Purtuttavia sono presenti in tali unioni «elementi positivi, che in sé sono… da apprezzare e valorizzare».

Il brevissimo documento della Congregazione per la dottrina della fede, che ha suscitato un acceso dibattito nell’opinione pubblica ecclesiale, intende chiarire la posizione della Santa Sede rispetto a «progetti e proposte di benedizioni per unioni di persone dello stesso sesso» che si stanno diffondendo «in alcuni ambiti ecclesiali», per esempio nei paesi di lingua tedesca.