D
Documenti
Documenti, 25/2015, 03/07/2015, pag. 14

Il 2017: un'opportunità ecumenica

All'Assemblea del Consiglio ecumenico finlandese (Helsinki, 27.4.2015)

Kurt Koch
«Sia i cattolici sia i luterani hanno ragioni per unirsi nell’autoaccusa e nel pentimento per i malintesi, i torti e le ferite che si sono inferti reciprocamente nel corso degli ultimi 500 anni. (...) Un tale atto pubblico di pentimento deve essere il primo passo verso una commemorazione comune della Riforma». Inizia da qui il percorso che il card. Koch, presidente del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, ha tracciato intervenendo – lo scorso 27 aprile – all’Assemblea di primavera del Consiglio ecumenico finlandese a Helsinki. La relazione, intitolata La commemorazione della Riforma, un’opportunità ecumenica. Verso una dichiarazione congiunta su Chiesa, ministero ed eucaristia, ha posto alcune questioni fondamentali che sono da affrontare in vista di una possibile commemorazione comune dei 500 anni della Riforma nel 2017. «Fa parte della comune commemorazione (...) anche la gratitudine e la gioia per il reciproco avvicinamento nella fede e nella vita che è avvenuto negli ultimi 50 anni», ha detto, ricordando che un «ulteriore importante passo avanti nel cammino verso l’accordo ecumenico fra luterani e cattolici» potrebbe risultare «la redazione di una futura dichiarazione congiunta (...) su Chiesa, eucaristia e ministero».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2021-17

La Santa Sede risponde agli ebrei

Card. Kurt Koch

Dopo che alcune affermazioni sulla Torah – contenute in una catechesi tenuta da papa Francesco l’11 agosto sulla Lettera ai Galati – avevano provocato da parte del rabbino Rasson Arussi (presidente della Commissione del Gran rabbinato d’Israele per il dialogo con la Santa Sede) una richiesta di chiarimenti, il 3 settembre (pubblicata il 10) è arrivata la risposta del card. Kurt Koch, presidente della Commissione vaticana per i rapporti religiosi con l’ebraismo. La lettera, che pubblichiamo in una nostra traduzione dall’inglese, è stata inviata anche al rabbino David Sandmel, presidente del Comitato ebraico internazionale per le consultazioni interreligiose (New York), che aveva scritto a sua volta al card. Koch una lettera simile a quella del rabbino Arussi (www.christianunity.va).

Attualità, 2016-16

Ecumenismo - I 500 anni della Riforma: insieme nella speranza

Kurt Koch, Martin Junge

È la prima volta nella storia che i cattolici e i luterani commemoreranno congiuntamente l’anniversario della Riforma a livello globale. Questo evento epocale riflette i progressi fatti in 50 anni di dialogo internazionale cattolico-luterano. Iniziato dopo le importanti decisioni prese dal concilio Vaticano II, il dialogo ha creato una comprensione reciproca. Ha aiutato a superare molte differenze, e per di più ha creato fiducia. Ha affermato la convinzione comune che quello che unisce cattolici e luterani è di più di quello che li divide. Ha dato espressione alla profonda convinzione di fede che, attraverso il battesimo, cattolici e luterani sono chiamati nello stesso corpo.