D
Documenti
Documenti, 9/2016, 01/05/2016, pag. 274

Il pastore, colui che vive per il Vangelo

Discorso alla LXIX Assemblea generale della Conferenza episcopale italiana

Francesco
«È scalzo, il nostro prete, rispetto a una terra che si ostina a credere e considerare santa. Non si scandalizza per le fragilità che scuotono l’animo umano: consapevole di essere lui stesso un paralitico guarito, è distante dalla freddezza del rigorista, come pure dalla superficialità di chi vuole mostrarsi accondiscendente a buon mercato». La figura del presbitero è al centro del discorso pronunciato da papa Francesco in apertura dell’Assemblea della CEI (16.5.2016), a sua volta incentrata sullo stesso tema (cf. in questo numero a p. 274). Il papa non ha voluto offrire una riflessione sistematica sulla figura del sacerdote, ma piuttosto cercare di mettersi in ascolto della realtà concreta in cui vivono oggi i presbiteri. «Avviciniamoci, quasi in punta di piedi, a qualcuno dei tanti parroci che si spendono nelle nostre comunità (…) e chiediamoci con semplicità: che cosa ne rende saporita la vita? Per chi e per che cosa impegna il suo servizio? Qual è la ragione ultima del suo donarsi?». Per Francesco, il prete è un uomo che vive in amicizia con il Signore, aperto alla comunione con gli altri e pronto a giocarsi fino in fondo, senza calcoli o paure: ne scaturisce una triplice appartenenza «al Signore, alla Chiesa, al Regno», che rappresenta un «tesoro in vasi di creta» da custodire e promuovere.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-22

M. Sticco, Armida Barelli

Una donna tra due secoli

Francesco Pistoia

Una vita tra due secoli, «anzi, tra due ere della civiltà della donna». Un percorso, dal 1882 al 1952, faticoso e ricco di conquiste. Armida Barelli nacque quando le ragazze «non uscivano da sole, né a capo scoperto, non studiavano nelle scuole maschili, non partecipavano alla vita pubblica, e morì quando le donne, anche giovanissime, godevano di piena libertà» (3). Il lavoro di Maria Sticco (1891-1984), collaboratrice della Barelli, apprezzabile per l’attenzione alle fonti e ai documenti e per la passione che lo anima, ci restituisce in questa nuova edizione una figura d’alto profilo ecclesiale, religioso, sociale.

 

Attualità, 2021-20

F. Cosentino, Quando finisce la notte

Credere dopo la crisi

Francesco Cosentino

Che si tratti della nostra vita personale o familiare o che l’evento inatteso interessi la società e la storia in cui viviamo, che siano esistenziali, spirituali o sociali e culturali, le crisi possono rivelare anche un «rovescio della medaglia»: sono momenti di «giudizio» – come suggerisce l’etimologia della parola – in cui finalmente emerge la verità di noi stessi e della realtà e, così, possiamo finalmente prendere in mano la nostra vita e decidere cosa farne.

 

Documenti, 2021-19

Il Sinodo per una Chiesa diversa

Discorso per l’inizio del percorso sinodale e omelia in apertura della XVI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi

Francesco

«È importante che il Sinodo sia veramente tale, un processo in divenire; coinvolga, in fasi diverse e a partire dal basso, le Chiese locali, in un lavoro appassionato e incarnato, che imprima uno stile di comunione e partecipazione improntato alla missione». Il 9 ottobre papa Francesco ha tenuto un discorso durante un Momento di riflessione per l’inizio del percorso della XVI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi «Per una Chiesa sinodale: comunione, partecipazione e missione», davanti a delegati delle riunioni internazionali delle conferenze episcopali e organismi simili, membri della curia romana, delegati fraterni, delegati della vita consacrata e dei movimenti laicali ecclesiali, e il Consiglio dei giovani promosso dal Dicastero per i laici, la vita e la famiglia. Nel suo discorso il papa ha evidenziato i rischi del cammino (formalismo, intellettualismo, immobilismo), e le opportunità che il Sinodo apre: strutturare una Chiesa sinodale e diventare una Chiesa dell’ascolto e della vicinanza.

Pubblichiamo anche l’omelia tenuta da Francesco il 10 ottobre nella messa per l’apertura dell’Assemblea sinodale.