A
Attualità
Attualità, 12/2017, 15/06/2017, pag. 365

Ministeri ecclesiali e questione femminile: non vi sarà né uomo né donna…

Alessandra Deoriti

Lo «statuto di parità uomo-donna, adombrato in alcuni testi biblici (…) e trasparente nella prassi sacramentale del battesimo» non è ancora penetrato nel «tempo ordinario della vita dei credenti (…) L’annuncio della vita nuova in Cristo (…) offre visioni prospettiche dell’umanità restaurata» per andare oltre le forme assunte dalle istituzioni ecclesiali «via via consolidate e sacralizzate in senso patriarcale», in una sorta di «resa alla storia necessitante». L’ampia e completa disamina che qui presentiamo tiene conto della ripresa del dibattito sulla presenza femminile nella Chiesa a partire da alcune affermazioni ripetute di papa Francesco e dall’istituzione nel 2016 della Commissione di studio sul diaconato delle donne. E auspica non «una riedizione pura e semplice di modelli del passato, ma una fedeltà creativa al compito per l’oggi» che prenda in considerazione «una declinazione duale del ministero che rispecchi (…) lo “stare di fronte” originario dell’uomo e della donna, uguali e diversi, in una Chiesa tutta ministeriale».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2016-20

L. Prenna, Dio fece tre anelli. Le religioni a scuola

Alessandra Deoriti
Conosco Lino Prenna da molti anni, sia pure in ambiti che afferiscono al cattolicesimo democratico più che alla sua lunga storia di docente universitario di discipline filosofiche e pedagogiche, nelle quali continuo a muovermi con l’impaccio rispettoso e sospettoso di una novizia (malgrado i miei quarant’anni d’insegnamento). È questa una precisazione forse anomala;...
Attualità, 2016-18

Chiesa e memoria divisa

Percorsi storici nel Novecento

Alessandra Deoriti, Giovanni Turbanti*

Nella lunga preparazione al «Grande giubileo» con cui intendeva celebrare la fine del secondo millennio di civiltà cristiana, Giovanni Paolo II sottolineò più volte l’importanza per la Chiesa di riconsiderare criticamente il suo passato e di prendere coscienza delle colpe di cui i suoi figli nel corso della storia si erano macchiati. In ogni caso «purificare la memoria» significava liberarla da quelle fratture che ancora pesavano nella coscienza ecclesiale, da quelle divisioni che avevano costellato la sua storia. Nella celebrazione penitenziale del giubileo, svoltasi in Vaticano il 12 marzo 2000, l’elenco delle colpe trovò una sua complessiva sistematizzazione, più tematica che cronologica, che smussava la precisione dei fatti e attribuiva per lo più genericamente le colpe a tutta l’umanità. Ma c’era un preciso riferimento alle persecuzioni contro gli ebrei, in cui si poteva riconoscere l’allusione alla responsabilità dei cristiani per la Shoah e per le vicende più drammatiche del XX secolo.

Attualità, 2015-8

Italia - Dibattito sulla scuola: buona in che senso?

Il rischio dell'aziendalizzazione del sapere nella "Buona scuola" del governo Renzi

Alessandra Deoriti

Sarebbe interessante, ma eccessivo per un intervento breve come questo, ricostruire con ordine le tappe del cammino di progressiva «aziendalizzazione» della scuola: prendiamone atto, soltanto, come di un processo che, in forme ora palesi ora surrettizie, si è imposto riplasmando profondamente le condizioni d’esercizio della vita scolastica, tanto per gli insegnanti quanto per i discenti.