A
Attualità
Attualità, 16/2017, 15/09/2017, pag. 487

Dibattito - Riforma: sola veritas

Rivedere polemicamente il 500° della Riforma a colloquio con Marco Vannini

Domenico Segna

In un clima di ritrovato dialogo tra cattolici e luterani la casa editrice Lorenzo de’ Medici Press pubblica Contro Lutero e il falso Evangelo a firma di Marco Vannini: letteralmente un pugno nello stomaco, un libro «inattuale» contro il monaco agostiniano.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-6

R. Celada Ballanti, La parabola dei tre anelli

Migrazioni e metamorfosi di un racconto tra Oriente e Occidente

Domenico Segna

La storia di questo racconto è complessa da ricostruire, e possiamo dire che, a tutt’oggi, non siamo in grado di fissare un archetipo, un Ur-, che si perde nel nulla. L’originario resta un’ipotesi, direbbe Blumenberg, leggibile solo a partire dalla storia degli effetti. Io muovo da Boccaccio perché in lui c’è una svolta nella storia della parabola, e la ragione la mette in luce molto bene un saggio dello storico della filosofia medievale Kurt Flasch, intitolato, nella traduzione italiana, Poesia dopo la peste.

 

Attualità, 2018-6

500° della Riforma: Lutero in libreria /2

Domenico Segna

Ancora Lutero. Persino negli ultimi mesi del 2017 studi di notevole importanza si sono posti all’attenzione dei lettori già in precedenza catturati da saggi come quello di Adriano Prosperi sul riformatore di Wittenberg. Indubbiamente il cinquecentenario della Riforma è stata l’occasione per fare il punto della situazione sulla figura del monaco agostiniano che a Worms nel 1521 sfidò l’imperatore Carlo V e i delegati pontifici dichiarando vincolata la propria coscienza alla parola di Dio.

 

Attualità, 2018-2

G. Giorello, L’etica del ribelle

Intervista su scienza e rivoluzione

Domenico Segna

Topolino, Gadda, Geymonat, Jünger e, ancora, Mill, Kuhn, Lakatos e Popper, dietro le cui spalle fa capolino Tex Willer. Un filo logico li lega fra loro: la libertà del pensiero da qualsiasi dispotismo. In queste conversazioni che il noto filosofo della scienza, Giulio Giorello, ha intessuto con Pino Donghi si dipana un pensiero che sembra porsi come una sorta di «testamento intellettuale».