A
Attualità
Attualità, 16/2017, 15/09/2017, pag. 487

Dibattito - Riforma: sola veritas

Rivedere polemicamente il 500° della Riforma a colloquio con Marco Vannini

Domenico Segna

In un clima di ritrovato dialogo tra cattolici e luterani la casa editrice Lorenzo de’ Medici Press pubblica Contro Lutero e il falso Evangelo a firma di Marco Vannini: letteralmente un pugno nello stomaco, un libro «inattuale» contro il monaco agostiniano.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-16

Filippo Melantone, Opere scelte/3

Loci communes rerum theologicarum (1521)

Domenico Segna

Loci communes rerum theologicarum sono una pietra miliare per una nuova topologia della fede, come acutamente sottolinea nell’introduzione Stefania Salvadori, curatrice dell’opera insieme alla compianta Fiorella De Michelis Pintacuda. In effetti il titolo dell’opera, pubblicata per la prima volta nel 1521, riedita e rielaborata nel 1533-1535 e nel 1543-1545, sta a sottolineare una tipica accezione teologica: quella concernente i concetti (loci) fondamentali (communes) della teologia. Per questo essa è il primo manuale ideato dalla Riforma protestante.

Attualità, 2018-16

K. Jaspers, R. Bultmann, Il problema della demitizzazione

Domenico Segna

Nel corso del Novecento si sono avute memorabili dispute che hanno determinato gli snodi fondamentali del pensiero teologico e filosofico: una tra le principali ha avuto per protagonisti Karl Jaspers e Rudolf Bultmann sul tema della demitizzazione. Da un lato il filosofo con il paradigma dell’universalità della Rivelazione in ogni coscienza (principio della Liberalität), dall’altro il teologo, accusato dal primo di «ortodossia», nonostante lo sforzo compiuto per liberare il kerigma cristiano dalle sedimentazioni mitologiche.

Attualità, 2018-14

Sessantotto - Intervista a Paolo Pombeni: l’anniversario disincantato

Domenico Segna

Il 1968 ha segnato nell’immaginario collettivo una vera e propria frattura culturale, politica, sociale, antropologica. Ne parliamo con lo storico Paolo Pombeni, autore di Che cosa resta del ’68 (Il Mulino), libro dedicato alle rivolte studentesche che cinquant’anni fa caratterizzarono le società occidentali più avanzate.