A
Attualità
Attualità, 18/2017, 15/10/2017, pag. 525

Bolzano-Bressanone: la responsabilità chiede tempo

Intervista a mons. Ivo Muser per una nuova pastorale della cresima

Paolo Tomassone

In futuro «non sarà più fattibile la preparazione al sacramento della cresima, così come è stata fatta fino a ora in molte parrocchie della nostra diocesi». All’aggiornamento del clero e degli operatori pastorali lo scorso 19 settembre, il vescovo di Bolzano – Bressanone, ha anticipato una «rivoluzione» pastorale in diocesi. Abbiamo incontrato mons. Muser alla vigilia della festa annuale dei cresimati, sabato 21 ottobre, dal titolo «On fire: incontrare Dio – prendere fuoco». 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-6

Italia - Lavoro: cauto ottimismo

Paolo Tomassone
I dati sono chiari anche se adesso è in voga prescinderne. È indubbio che in Italia è in corso una ripresa economica e quindi del mercato del lavoro e delle assunzioni. Tutto bene? No, perché nessuno è soddisfatto. Il dato che strutturalmente ci condanna è infatti che nel nostro paese l’offerta e la domanda di lavoro fanno fatica a incontrarsi. Per cui,...
Attualità, 2018-6

Balcani - Caritas italiana: futuro minato

Paolo Tomassone

A dieci anni dall’autoproclamata indipendenza del Kosovo dalla Serbia, tra tutte le ferite non ancora cicatrizzate, quella delle mine ancora disseminate nell’area dei Balcani è la più grave. Furono usate indistintamente dalle forze governative e dai combattenti ribelli ma anche dalle forze NATO contro il regime di Milosevic e sono una condanna per la sicurezza degli abitanti e per lo sviluppo economico nei terreni contaminati. 

Attualità, 2018-6

Nigeria - Diocesi di Ahiara: rinuncia

Paolo Tomassone

A cinque anni dalla nomina – dopo anni di polemiche e ammutinamenti all’interno della diocesi – il vescovo nigeriano di Ahiara, mons. Peter Ebere Okpaleke, si è dimesso. È fallito, così, il tentativo di papa Francesco di «imporre» l’entrata in diocesi del vescovo e il 19 febbraio scorso ha accettato le dimissioni e ha nominato «amministratore apostolico sede vacante» il vescovo di Umuahia, mons. Lucius Iwejuru Ugorji. Una resa alle differenze tribali e culturali che avevano portato alle proteste.