A
Attualità
Attualità, 2/2017, pag. 9

Santa Sede - Sinodo sui giovani: primo ascoltare

Presentato il Documento preparatorio della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo

Guido Mocellin

Le scelte compiute sinora sotto il pontificato di Francesco in tema di sinodi e sinodalità autorizzavano più di un’attesa per l’avvio del processo sinodale intestato a «I giovani, la fede e il discernimento vocazionale», che culminerà nell’ottobre 2018 con la celebrazione della XV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2018-10

Spagna - Chiesa cattolica: il perdono dell’ETA

Guido Mocellin

Nel tentativo di uscire dalla vita, ma non dalla storia, della Spagna contemporanea, l’Euskadi Ta Askatasuna, l’organizzazione terroristica intitolata a «Paesi baschi e libertà» e universalmente nota con l’acronimo ETA, sta dando corso a un’articolata sequenza di atti pubblici, a valle di un processo decennale le cui tappe salienti sono state la dichiarazione di fine delle azioni armate (2011) e la consegna alle autorità francesi di gran parte del proprio arsenale (2017).

Attualità, 2018-8

Santa Sede - Segreteria per la comunicazione: battaglia di parole

Breve ricostruzione del caso che ha portato alle dimissioni di mons. Viganò

Guido Mocellin

Mons. Dario Edoardo Viganò non è più il prefetto della Segreteria per la comunicazione. Il tutto si è appreso tramite la pubblicazione, il 21 marzo scorso, di un piccolo carteggio avvenuto appunto tra il 19 e il 21 dello stesso mese. Ma all’origine del gesto di Viganò si trova un altro carteggio, quello intercorso tra l’allora prefetto e il papa emerito Benedetto XVI, la cui pubblicazione, avvenuta in modi e tempi diversi, ha occupato buona parte delle cronache vaticane a partire dallo scorso 12 marzo. Eccone i passaggi salienti.

Attualità, 2017-22

Chiesa - Social media: parroci nella Rete

Spunti (anche per vescovi) per un buon uso di tastiera e mouse

Guido Mocellin

La frequentazione del web e segnatamente l’utilizzo dei social network sono diventati un tratto caratterizzante la vita quotidiana e le relazioni umane intrattenute da ciascuno di noi. Se dunque, come è capitato più di una volta nel corso del 2017, un prete diviene improvvisamente protagonista delle cronache, non solo ecclesiali, a motivo di un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, è perché i ministri di Dio non fanno eccezione, anzi: a seguito della rivoluzione digitale, è probabile che oggi un verso come il celeberrimo «Neanche un prete / per chiacchierar» cantato da Adriano Celentano in Azzurro non avrebbe troppo senso: in qualunque momento della giornata basterebbe andare on-line per trovare più di un sacerdote con il quale chattare.