A
Attualità
Attualità, 20/2017, pag. 589

Francesco - Pena di morte: dire no per dignità

L’evoluzione del magistero degli ultimi papi e la questione di una Tradizione dinamica

Mario Chiavario

Alle sorprese questo papa ci ha ormai abituati. Perciò non può stupire che Francesco abbia tratto occasione da un evento all’apparenza meramente celebrativo, a ricordo del 25o anniversario della prima e provvisoria pubblicazione di un nuovo Catechismo della Chiesa cattolica,1 per pronunciarsi su una questione specifica e tanto spinosa, nel contesto mondiale e per la stessa dottrina cattolica, come quella della pena di morte.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-6

Santa Sede - Incontro sulla protezione dei minori: questione di potere

Quattro parole su un evento prospettico per il cammino ecclesiale

Mario Chiavario

In occasione del recente summit sulla protezione dei minori in Vaticano, a venire in discussione c'è stato pure un più esteso retroterra, culturale e strutturale, sul quale certi comportamenti, e con essi tutta una mentalità che li ha tollerati, hanno potuto poggiare ed espandersi; e a evidenziarlo non sono mancate parole impegnative, risuonate con insolita frequenza e altrettanto insolita franchezza nelle aule dei palazzi vaticani: parole-simbolo, si potrebbe dire. Se ne propone qui una minuscola scelta.

Attualità, 2019-2

Italia – Migranti: obiezioni e fai da te

Mario Chiavario

Resistenza alla legge ingiusta. Obiezione di coscienza. Disobbedienza civile. Sono parole tornate di grande attualità, specialmente dopo il più recente tra i provvedimenti legislativi che hanno eretto la «sicurezza» a emblema, riconducendo a un’indiscutibile esigenza sociale, nei giusti limiti riconosciuta come tale dalle carte internazionali dei diritti umani, interventi anche discutibilissimi sul patrimonio di diritti e di libertà delle persone.

Attualità, 2017-8

Francia - Délit d’entrave: conferma con riserva

Mario Chiavario

Il 16 marzo il Conseil constitutionnel francese ha posto il suo suggello alla nuova legge sul «délit d’entrave» (cf. Regno-att. 2,2017,21). Ma è un suggello non privo di «sì, ma …». In sede parlamentare l’ultima parola al riguardo era stata detta il 20 febbraio dall’Assemblée nationale che a maggioranza, dopo il parziale dissenso del Senato, aveva confermato le scelte trasfuse nel testo già votato in dicembre, essendo nel frattempo fallito il tentativo di comporre consensualmente la divergenza tra le due Camere.