A
Attualità
Attualità, 6/2017, 15/03/2017, pag. 145

Stati Uniti - Bioetica: stampare la vita

Le frontiere del 3Dbiopriting

Paolo Benanti

Nel luglio 2015 Keith Murphy, CEO di Organovo, industria leader delle biotecnologie, ha presentato ai media le ultime innovazioni prodotte dalla sua azienda.2 I suoi biotecnologi e gli scienziati hanno dichiarato d’essere in grado di produrre organi sintetici in laboratorio con cui sostituire quelli danneggiati da incidenti o malattie, senza bisogno di donatori o autotrapianti. Com’è possibile questa rivoluzione? Le biotecnologie si sono ispirate all’ingegneria dei materiali.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2016-20

Carne sintetica: le questioni etiche nel piatto

Le questioni etiche nel piatto

Paolo Benanti

Il 5 agosto 2013 più di duecento giornalisti hanno affollato i Riverside Studios a Londra. La folla, analoga a quella che si raduna per la presentazione degli ultimi telefonini o computer dei maggiori brands internazionali, non era in attesa di un conglomerato prodigioso di silicio e vetro ma di un panino, un hamburger per la precisione, non meno prodigioso dal punto di vista tecnologico.

Attualità, 2016-14

50° ATISM: una rifondazione?

L’eredità conciliare e le sfide che la tecnica propone alla teologia morale oggi

Paolo Benanti

Dal 22 al 25 agosto si è svolto ad Ariccia (RM) il XXVI congresso nazionale dell’Associazione teologica italiana per lo studio della morale (ATISM; cf. Regno-att. 8,2016,205). Il raduno dei teologi moralisti e dei cultori della materia ha celebrato il 50° di fondazione dell’Associazione costituitasi dopo la chiusura del concilio Vaticano II e in questa occasione ha posto al centro la riflessione sullo stato della disciplina e sul ruolo dell’ATISM come associazione teologica.

Attualità, 2016-8

P. Benanti, La condizione tecno-umana

Domande di senso nell'era della tecnologia

Paolo Benanti
Karl Rahner, in un piccolo saggio sul libro religioso scritto nella seconda metà degli anni Sessanta del secolo scorso, si chiede come dovrà essere tale forma di letteratura per essere adeguata al nostro tempo.1 Il teologo tedesco sottolinea come la letteratura religiosa dovrebbe essere anzitutto introduzione alle fonti originarie della genuina attività religiosa e non l’elaborazione di un complicato apparato religioso-ascetico, per il quale quelle scaturigini sono cose implicitamente ovvie o puri presupposti.