A
Attualità
Attualità, 8/2017, 15/04/2017, pag. 203

Italia - Nomine episcopali: per un terzo «francescane»

Panoramica dei nuovi vescovi (2016-2017) in attesa della scelta del nuovo presidente della CEI

Guido Mocellin

Il primo è stato mons. Paolo Selvadagi, uno degli ausiliari del vicariato di Roma (settore Ovest). L’ultimo, il 17 marzo scorso, è mons. Ovidio Vezzoli, inviato a Fidenza, come successore di mons. Mazza, da Brescia, dove era prefetto degli studi. In mezzo, una quantità di nomine di nuovi vescovi che, dopo la lenta partenza del primo anno (solo 7), ha proceduto a un ritmo piuttosto costante: 20 nel 2014, 18 nel 2015, 23 nel 2016 e 6 nei primi tre mesi del 2017, così che a tutt’oggi il 30% dei membri della Conferenza episcopale italiana è stato scelto durante il pontificato di Francesco. Ma vediamo, in dettaglio, le scelte compiute nel 2016 e in questo primo scorcio del 2017.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-20

Francesco - Omosessualità: Roma locuta

Che cosa non ha funzionato attorno al documentario Francesco

Guido Mocellin

Su queste parole, riassunte dai media col titolo «Il papa apre alle unioni civili per le coppie gay», si sono immediatamente appuntate numerose reazioni. Quelle maggioritarie stavano sul merito dell’affermazione, e hanno obbedito alla polarizzazione sperata, evidentemente, dall’autore del documentario. La rassegna stampa italiana del 22 ottobre mostrava, tra i dissensi, anche quello del card. Gerhard Ludwig Müller, che, dopo aver evocato cosa afferma la Scrittura su matrimonio e famiglia, sottolineava la debolezza della distinzione tra «unioni civili» e «matrimoni gay».

 

Attualità, 2020-18

Santa Sede - Card. Becciu: la fiducia e la trasparenza

Cronaca dalla riforma del comparto finanziario vaticano

Guido Mocellin

Giovanni Benelli (1967-1977), Eduardo Martínez Somalo (1979-1988), Giovanni Battista Re (1989-2000), Leonardo Sandri (2000-2007), Fernando Filoni (2007-2011). Basta ricordare i nomi dei predecessori di Giovanni Angelo Becciu nell’ufficio di sostituto per gli affari generali (cioè di responsabile della I sezione) della Segreteria di stato e associarli ai tre papi Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, dei quali sono stati a servizio, per cogliere il ruolo che chi occupa quell’ufficio riveste nel governo centrale della Chiesa, ovvero il grado di fiducia che il papa deve riporre in questo suo cruciale collaboratore.

 

Attualità, 2020-8

Politica internazionale COVID-19: preparare il futuro

Sette tendenze da monitorare per il dopo-virus

Maria Elisabetta Gandolfi, Guido Mocellin

L’International Crisis Group (ICG), organizzazione indipendente dedita alla prevenzione delle guerre e allo studio di politiche volte alla costruzione di un mondo più pacifico, ha inaugurato lo scorso 24 marzo una serie di pubblicazioni relative alla pandemia da coronavirus e ai suoi effetti sul panorama internazionale. Si tratta di un rapporto che indica Sette tendenze da monitorare: aree nelle quali «la sfida globale alla salute coincide con guerre e situazioni politiche (…) che potrebbero dare luogo a nuove crisi o esacerbare quelle esistenti»; ma anche «casi nei quali la malattia potrebbe, attraverso un efficace lavoro diplomatico, stimolare una riduzione delle tensioni».