A
Attualità
Attualità, 18/2018, 15/10/2018, pag. 519

Sant'Egidio: da Assisi ai portici di Bologna

Paolo Tomassone

Non è il tempo del pessimismo o dell’indifferenza. Quello attuale deve diventare un «tempo di grandi opportunità» per gli uomini di buona volontà e per le religioni che hanno davanti a loro varie strade. È questo l’appello al dialogo arrivato da «Ponti di pace», l’incontro internazionale della Comunità di Sant’Egidio che ha chiamato a raccolta a Bologna, dal 14 al 16 ottobre, oltre 300 leader delle comunità religiose. Un dialogo necessario per vincere «la cultura del disprezzo» e per abbattere quei «muri» che «indeboliscono le religioni e il mondo».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2020-12

Politica internazionale – COVID-19: la finestra socchiusa

Paolo Tomassone

Mentre nuovi conflitti armati dilagano in tutto il mondo, «la furia del virus ci mostra la follia della guerra. Per questo chiedo un immediato cessate il fuoco in ogni angolo del globo. È arrivato il momento di gettare le armi e concentrarci sulla vera lotta che dobbiamo portare avanti». Neanche i funzionari dell’ONU pensavano che l’appello del segretario generale António Guterres del 23 marzo potesse essere accolto. E invece a inizio aprile nelle Filippine, in Siria, in Camerun, nello Yemen e in molti altri paesi è stato trovato un accordo tra le fazioni in campo in diversi conflitti.

 

Attualità, 2020-10

Psichiatria - Dopo il COVID-19: la parola, primo antidoto

Intervista a Sergio Astori

Paolo Tomassone

Fin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria è stato adottato, da parte di chi opera nella comunicazione ma anche dai rappresentanti delle istituzioni, un linguaggio bellico: si parla di «trincea» negli ospedali, del «fronte» del virus, di «economia di guerra»; la Protezione civile ogni giorno dirama un «bollettino» con il numero dei morti e dei contagiati: la metafora è quella di un paese, anzi ormai del mondo intero, in «conflitto» contro il virus. Ne abbiamo parlato con Sergio Astori, psichiatra e psicoterapeuta, docente presso la Facoltà di psicologia dell’Università cattolica di Milano.

 

Attualità, 2020-6

M.M. Zuppi, L. Fazzini, Odierai il prossimo tuo

Perché abbiamo dimenticato la fraternità. Riflessioni sulle paure del tempo presente.

Paolo Tomassone

Il «crescente e latente rancore presente nella società» ha un nome preciso: odio. E lo si trova declinato in tanti modi. Nel libro-intervista il cardinale di Bologna ne va a indagare le radici. E le trova prima di tutto tra le pieghe dell’individualismo, che non conduce necessariamente a odiare, ma «quando esso si contrappone a ogni spirito di fraternità, può facilmente scolorire nell’odio.