A
Attualità
Attualità, 2/2019, 15/01/2019, pag. 47

India - Violenze sessuali: per colpa di una suora

Stefano Vecchia

E' ormai in mano all’autorità giudiziaria una vicenda che ha trovato ampio spazio nei mass media indiani e internazionali e che per le sue caratteristiche ha aperto un aspro dibattito a favore o contro i protagonisti, ma ha anche chiamato in causa la gerarchia ecclesiastica e i rapporti tra i diversi riti che caratterizzano la Chiesa indiana. Alla base, un presunto caso di violenza sessuale che ha coinvolto il vescovo cattolico della diocesi di Jalandhar, nello Stato indiano del Punjab, mons. Franco Mulakkal. Un’accusa che la diocesi ha a lungo tempo negato, ritenendola motivata da un’azione disciplinare che Mulakkal avrebbe avviato nei confronti di una religiosa, madre superiora del convento delle Missionarie di Gesù, congregazione fondata proprio a Jalandhar nel 1993.

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-12

Corea del Sud: guardando al Nord

Stefano Vecchia

Dal 18 al 22 maggio scorsi si è tenuto a Seoul il Forum 2019 per la condivisione della pace nella Penisola coreana, organizzato congiuntamente dalla locale arcidiocesi, da cui dipende la Chiesa cattolica in Corea del Nord, e da organismi governativi. Tema dell’evento, che ha avuto come sede l’aula magna del campus Songsin dell’Università cattolica coreana, è stato «La cultura della pace: un cammino per la penisola coreana».

 

Attualità, 2019-12

Asia - Indonesia: turbolenze post-elettorali

Stefano Vecchia

Le elezioni indonesiane del 17 aprile – per la prima volta nella storia del grande arcipelago asiatico una doppia consultazione presidenziale e parlamentare – hanno aperto un periodo incerto, segnato soprattutto dal mancato riconoscimento dei risultati da parte degli sconfitti.

 

Attualità, 2019-10

Pakistan - Asia Bibi: libera

Stefano Vecchia

Un’«ottima notizia, anche per la sua famiglia che ha trascorso oltre nove anni sotto la minaccia di ritorsioni degli islamisti e per questo è stata costretta a dividersi e di volta in volta a cambiare località e abitazione. Negli ultimi tempi prima della sentenza d’assoluzione addirittura ricercati casa per casa dagli estremisti che disponevano di loro fotografie». Così Aiuto alla Chiesa che soffre ha commentato la partenza verso un esilio sicuro per Asia Bibi, donna cristiana condannata a morte per blasfemia in Pakistan e per quasi dieci anni incarcerata in attesa del giudizio finale che finalmente l’ha assolta.