A
Attualità
Attualità, 4/2019, 15/02/2019, pag. 83

Diocesi di Milano: dalle genti

Concluso il Sinodo minore. Un cambiamento sorto fuori dal mondo ecclesiastico

Luca Bressan

Il 2 febbraio, festa di Gesù presentato al Tempio – luce e salvezza delle genti –, l’arcivescovo di Milano ha approvato con un decreto il lavoro sinodale compiuto in diocesi di Milano lo scorso anno, promulgandone le costituzioni. Si è chiuso così il cammino voluto da mons. Mario Delpini, perché la Chiesa ambrosiana si riscoprisse «Chiesa dalle genti»: un Sinodo diocesano, con un percorso agile (un anno) e intenso – e, per questo motivo, definito «minore» –, che era culminato nell’approvazione, da parte dei due consigli diocesani (pastorale e presbiterale) riuniti in assemblea, di un testo frutto di un percorso di ascolto capillare e «in uscita».

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2015-9

Expo Milano 2015 - La presenza ecclesiale: non di solo pane

Il bilancio delle Chiese: che cos'è stato, che cosa rimane, che resta da fare

Luca Bressan

I bagliori e il tripudio fantasmagorico dei fuochi d’artificio con cui si è chiusa Expo 2015 sono riusciti a portare a livello visivo il forte grado di consenso e il grande successo che l’evento ha ottenuto. Consenso e successo, tuttavia, non scontati: un semplice rimando ai titoli con cui i giornali accompagnavano l’apertura di questa manifestazione ci fa cogliere immediatamente la misura del consenso che Expo 2015 si è saputa guadagnare. Molte impressioni ed emozioni (negative) ne hanno segnato il debutto; altrettante (positive, questa volta) ne hanno accompagnato la chiusura: il destino di Expo 2015 è di vedere i suoi momenti fondamentali segnati da un alto tasso di emozione, che come polviscolo riempie l’aria e impedisce una percezione netta di ciò che questo evento è stato, per Milano, l’Italia, e anche per la Chiesa (che in questa manifestazione ha investito parecchie energie). Proviamo perciò con queste righe a fissare qualche punto che ci consenta un approccio più ragionato a tutto l’evento, permettendoci di raccogliere quanto seminato da quello che alla fine ci si è presentato come un grande laboratorio, una scuola quotidiana di umanizzazione, per riprendere un’immagine usata dal presidente Mattarella, nel suo discorso di chiusura di Expo 2015.