A
Attualità
Attualità, 4/2019, 15/02/2019, pag. 74

Francesco - Lefebvriani: la terza (e ultima) vita

Guido Mocellin

Il motu proprio di papa Francesco, firmato il 17 gennaio scorso, non lascerebbe dubbi: «È soppressa la Pontificia commissione “Ecclesia Dei”» (art. 1). Ma non vengono meno i suoi compiti, assegnati integralmente alla Congregazione per la dottrina della fede, in seno alla quale verrà istituita un’apposita Sezione impegnata a continuare l’opera di vigilanza, di promozione e di tutela fin qui condotta dalla soppressa Pontificia commissione “Ecclesia Dei”» (art. 2). Il che consente di immaginare ciò che è iniziato nel 2019 non tanto come la morte della «Ecclesia Dei», quanto come la sua terza vita (cf. Regno-doc. 3,2019,90).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-8

Francia - Caso Barbarin: grazie alla giustizia

Come gestire la responsabilità episcopale

Guido Mocellin

In quanto casi di pubblico dominio, è quasi impossibile distinguere l’affaire Preynat dall’affaire Barbarin, sebbene, all’epoca dei delitti dei quali si è macchiato il sacerdote lionese Bernard Preynat, il cardinale Philippe Barbarin, primate delle Gallie, non fosse altro che un suo più giovane confratello prete, cappellano a più di 400 chilometri di distanza, nei licei della Val-de-Marne (sud-est di Parigi), e predicatore capace e raffinato.

Attualità, 2019-6

Australia - Card. Pell: una prima condanna

Guido Mocellin

L' ultimo episodio del «caso Pell», andato in onda a fine febbraio, non è di sicuro quello che mette fine alla saga,1 ma è certamente, sino a oggi, quello che ha ottenuto la maggiore audience. Ne aveva tutti gli ingredienti: la «storia» del card. George Pell «pedofilo» è infatti perfetta per essere personalizzata, polarizzata e spettacolarizzata dai mass media.

Attualità, 2019-2

Santa Sede – Dicastero per la comunicazione: completata la riforma

Guido Mocellin

Non vi è osservatore di cose ecclesiali che non abbia considerato gli avvicendamenti del 2018 ai vertici dei «media vaticani» interrogandosi sul grado di continuità che essi esprimono rispetto alla riforma avviata da papa Francesco nel 2015 (cf. Regno-att. 4,2017,75). Per farlo è utile leggere le biografie dei nuovi responsabili guardando ai loro predecessori.