A
Attualità
Attualità, 6/2019, 15/03/2019, pag. 148

Africa - Medio Oriente: migrare come schiavi

Enrico Casale

Forma di schiavitù molto diffusa in tutto il Medio Oriente, la kafala di per sè sarebbe un istituto giuridico benemerito. Dal punto di vista teorico si tratta infatti di una sorta di affido di un bambino o di una bambina a un altro soggetto per farlo crescere in un ambiente famigliare positivo. In realtà si è trasformato in uno strumento d’oppressione perché è diventato un sistema di sponsorizzazione di un datore di lavoro rispetto a un migrante che da questo viene assunto.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-12

Medio Oriente - Israele: gli ultimi samaritani

Enrico Casale

Con la nascita dello Stato di Israele nel 1948, la comunità samaritana si divise in due centri: uno a Nablus (allora in Giordania) e uno a Holon, a sud di Tel Aviv (Israele). Oggi la comunità samaritana non conta più di 800 persone. Il governo di Tel Aviv ha concesso a tutti i membri la cittadinanza d’Israele. Nonostante ciò, tra chi vive a Tel Aviv e chi abita nella zona di Nablus esistono differenze marcate. I «samaritani di Tel Aviv» vivono nella società israeliana, prestano servizio militare nell’esercito con la Stella di Davide e parlano l’ebraico moderno.

Attualità, 2019-4

Immigrazione - Corridoi: arrivare in sicurezza

Enrico Casale

Arrivano dall’Africa orientale e dal Medio Oriente. Non rischiano la vita e, soprattutto, hanno la garanzia di non essere espulsi e di poter seguire percorsi d’integrazione. Non stiamo parlando di fantascienza, ma dei migranti che raggiungono, in tutta sicurezza, l’Italia, grazie ai corridoi umanitari organizzati dalla Comunità di Sant’Egidio, in collaborazione con la Conferenza episcopale italiana, la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) e il Governo di Roma. 

Attualità, 2018-22

Italia - CENSIS: generosi gli altri

Enrico Casale

Gli italiani pensano sia una buona cosa sostenere i popoli più poveri del Sud del mondo, ma poi, quando si tratta di mettere mano al portafoglio o d’impegnarsi in prima persona, alle intenzioni non seguono i fatti. È quanto emerge dall’indagine CENSIS «Missione, solidarietà internazionale e stili di vita degli italiani». Dall’indagine, che ha coinvolto uomini e donne dai 18 anni agli over 64, è emerso che per il 77% degli italiani è giusto aiutare i paesi del Sud del mondo.