A
Attualità
Attualità, 8/2019, 15/04/2019, pag. 234

Africa - Chiesa cattolica: sacerdoti nel mirino

Giusy Baioni

Non si arresta la lunga serie di omicidi violenti di religiosi che sta avvenendo in Africa. L'ultima vittima si chiamava p. Toussaint Zoumaldé, cappuccino di 48 anni, ucciso la sera del 19 marzo. Fonti raggiunte in loco da Il Regno aggiungono che p. Toussaint avrebbe riportato diverse ferite d’arma da taglio: probabilmente ha tentato di difendersi e per questo hanno infierito con ripetuti colpi. Inutili i soccorsi: il religioso è deceduto poco dopo. Nelle stesse ore, in Nigeria veniva ritrovato il corpo esanime di don Clement Rapuluchukwu Ugwu, parroco della chiesa di San Marco, a Obinofia Ndiuno, scomparso una settimana prima

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2019-16

Africa - Nigeria: don David e la pace

Giusy Baioni

Il 29 agosto è stato ucciso l’ennesimo consacrato. Il terzo in Nigeria, l’undicesimo in Africa da gennaio. Si chiamava don David Tanko ed era il giovane sacerdote della parrocchia di St. Peter di Kurfa Amadu. Si stava adoperando come mediatore in un conflitto locale.

 

Attualità, 2019-16

Africa - Ebola: vincere il pregiudizio

Giusy Baioni

Oltre 2.000 morti. È il bilancio ufficiale a un anno dallo scoppio della nuova epidemia di Ebola nella regione del Nord Kivu, Repubblica democratica del Congo. Una zona di cui tante volte abbiamo scritto, in questi anni, a causa dell’instabilità e delle continue, efferate stragi. Una regione senza pace: ai danni della crudeltà umana ora si è aggiunto pure il temibile virus.

Attualità, 2019-14

Africa - Somalia: al-Shabaab punta sulle donne

Giusy Baioni

La Somalia è da tempo fuori dai riflettori internazionali. Nemmeno attentati e autobombe riescono più a forare il muro di gomma dell’indifferenza mediatica. Eppure la situazione non è immobile. Così come non è scomparso il famigerato gruppo Al-Shabaab, che tante attenzioni aveva attirato tempo addietro. Allontanati dalla capitale Mogadiscio, conservano però la loro roccaforte nel sud della Somalia, da dove continuano a colpire, con l’obiettivo dichiarato di rovesciare il governo sostenuto dalla comunità internazionale per rimpiazzarlo con istituzioni che applichino la sharia.