D
Documenti
Documenti, 7/2017, 01/04/2017, pag. 193

Se l’Europa ritrova speranza

Ai capi di stato e di governo dell’Unione Europea nel 60° della firma dei Trattati di Roma

Francesco

«Il 25 marzo 1957 fu una giornata carica di attese e di speranze, di entusiasmo e di trepidazione, e solo un evento eccezionale, per la portata e le conseguenze storiche, poteva renderla unica nella storia. La memoria di quel giorno si unisce alle speranze dell’oggi e alle attese dei popoli europei, che domandano di discernere il presente per proseguire con rinnovato slancio e fiducia il cammino iniziato». Il Vertice dei capi di stato e di governo dell’Unione Europea, che si è tenuto il 25 marzo a Roma per celebrare il 60° anniversario dei due omonimi Trattati, firmati il 25 marzo 1957, è stato anticipato il 24 marzo dall’udienza con papa Francesco, individuato come un riferimento simbolico e spirituale nell’attuale stato di crisi profonda in cui versano le istituzioni europee. Il papa argentino ha richiamato – usando le parole dei padri fondatori dell’UE – i pilastri su cui essa è costruita: «La centralità dell’uomo, una solidarietà fattiva, l’apertura al mondo, il perseguimento della pace e dello sviluppo, l’apertura al futuro». Invitando poi i governanti a «discernere le strade della speranza, identificare i percorsi concreti per far sì che i passi significativi fin qui compiuti non abbiano a disperdersi».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2017-8

Italia - Verso la 48° Settimana sociale: lavoro cioè dignità

I documenti e gli incontri preparatori. La sfida del Sud

Francesco Rossi

La denuncia, il racconto, la proposta. Lungo queste direttrici è orientata la 48ª Settimana sociale dei cattolici italiani, che si celebrerà a Cagliari dal 26 al 29 ottobre prossimi e avrà a tema «Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo e solidale», riprendendo un passaggio dell’esortazione apostolica di papa Francesco Evangelii gaudium (n. 192).

 

Attualità, 2017-6

A. Rosmini, Lettere II

Francesco Pistoia

Le Lettere di Rosmini sono tappe di un cammino formativo ricco di umanità, pensoso, vissuto nella luce di valori trascendenti. Un elogio dell’amicizia, un invito gioioso all’impegno nello studio e nella carità. S’intravede il santo e il pensatore di robusta statura.

 

Documenti, 2017-5

Il terrorismo del denaro

Discorso ai partecipanti al III Incontro mondiale dei movimenti popolari

Francesco

Dopo le due precedenti occasioni nel 2014 (Regno-doc. 19,2014,601) e nel 2015 in Bolivia (Regno-doc. 26,2015,22), il 5 novembre papa Francesco ha incontrato per la terza volta i partecipanti all’Incontro mondiale dei movimenti popolari, che egli considera interlocutori fondamentali del suo pontificato. Mentre nel 2015, in Bolivia, il tema posto al centro della riflessione era stato il cambiamento – inteso come cambiamento di strutture, frutto di un processo in cui milioni di piccole azioni si concatenano in maniera creativa – al cuore del terzo incontro, a Roma, sono stati «la disuguaglianza che genera violenza» e «il rapporto tra popolo e democrazia». Il papa ha ripreso il filo del ragionamento, focalizzando l’attenzione su alcuni punti specifici: ha denunciato un «terrorismo di base, che deriva dal controllo globale del denaro sulla terra e minaccia l’intera umanità», per frenare il cambiamento e impedire che sia nuovamente rimesso al centro l’essere umano; ha ricordato come anche oggi dobbiamo aiutare il mondo a «guarire dalla sua atrofia morale»; ha toccato ancora il tema dei migranti – «una situazione obbrobriosa» –; infine ha lanciato l’allarme su due rischi che possono coinvolgere il rapporto tra movimenti e politica, ovvero «il rischio di lasciarsi incasellare e… di lasciarsi corrompere».