D
Documenti
Documenti, 7/2017, 01/04/2017, pag. 193

Se l’Europa ritrova speranza

Ai capi di stato e di governo dell’Unione Europea nel 60° della firma dei Trattati di Roma

Francesco

«Il 25 marzo 1957 fu una giornata carica di attese e di speranze, di entusiasmo e di trepidazione, e solo un evento eccezionale, per la portata e le conseguenze storiche, poteva renderla unica nella storia. La memoria di quel giorno si unisce alle speranze dell’oggi e alle attese dei popoli europei, che domandano di discernere il presente per proseguire con rinnovato slancio e fiducia il cammino iniziato». Il Vertice dei capi di stato e di governo dell’Unione Europea, che si è tenuto il 25 marzo a Roma per celebrare il 60° anniversario dei due omonimi Trattati, firmati il 25 marzo 1957, è stato anticipato il 24 marzo dall’udienza con papa Francesco, individuato come un riferimento simbolico e spirituale nell’attuale stato di crisi profonda in cui versano le istituzioni europee. Il papa argentino ha richiamato – usando le parole dei padri fondatori dell’UE – i pilastri su cui essa è costruita: «La centralità dell’uomo, una solidarietà fattiva, l’apertura al mondo, il perseguimento della pace e dello sviluppo, l’apertura al futuro». Invitando poi i governanti a «discernere le strade della speranza, identificare i percorsi concreti per far sì che i passi significativi fin qui compiuti non abbiano a disperdersi».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2017-16

P. Gulisano, D. De Rosa (a cura di), Chesterton. La sostanza della fede

Francesco Pistoia

Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) – in questo libro pubblicato per la prima volta postumo nel 1936 – si rivela in ogni occasione scrittore-provocatore, solido e geniale: provocatore che richiama l’attenzione su valori e ideali e soprattutto sulla passione per la verità.

 

Attualità, 2017-16

T. Hargot, Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)

Francesco Pieri

Nella sua decennale pratica di sessuologa a contatto con il mondo della scuola, Thérèse Hargot ha ben conosciuto gli adolescenti della classe media e agiata di Parigi (dove il volume è uscito nel 2016), Bruxelles e New York. Ne ha tratto questo appello appassionato, rivolto alla cultura occidentale, a verificare gli effetti della libertà sessuale che domina a partire dagli anni Sessanta. 

Attualità, 2017-14

J. Sacks, Non nel nome di Dio

Confrontarsi con la violenza religiosa

Francesco Pieri

La tesi dell’autore è che l’uso della religione per giustificare la prassi violenta sia sempre contrario alla religione stessa. Perché allora «l’ebraismo, il cristianesimo e l’islam, [che] si definiscono come religioni di pace (…) tutte e tre hanno dato origine alla violenza in alcuni momenti della loro storia» (17)? Con grande finezza di analisi, l’autore individua una catena di dinamiche psico-sociali all’origine di ciò.