D
Documenti
Documenti, 7/2017, 01/04/2017, pag. 193

Se l’Europa ritrova speranza

Ai capi di stato e di governo dell’Unione Europea nel 60° della firma dei Trattati di Roma

Francesco

«Il 25 marzo 1957 fu una giornata carica di attese e di speranze, di entusiasmo e di trepidazione, e solo un evento eccezionale, per la portata e le conseguenze storiche, poteva renderla unica nella storia. La memoria di quel giorno si unisce alle speranze dell’oggi e alle attese dei popoli europei, che domandano di discernere il presente per proseguire con rinnovato slancio e fiducia il cammino iniziato». Il Vertice dei capi di stato e di governo dell’Unione Europea, che si è tenuto il 25 marzo a Roma per celebrare il 60° anniversario dei due omonimi Trattati, firmati il 25 marzo 1957, è stato anticipato il 24 marzo dall’udienza con papa Francesco, individuato come un riferimento simbolico e spirituale nell’attuale stato di crisi profonda in cui versano le istituzioni europee. Il papa argentino ha richiamato – usando le parole dei padri fondatori dell’UE – i pilastri su cui essa è costruita: «La centralità dell’uomo, una solidarietà fattiva, l’apertura al mondo, il perseguimento della pace e dello sviluppo, l’apertura al futuro». Invitando poi i governanti a «discernere le strade della speranza, identificare i percorsi concreti per far sì che i passi significativi fin qui compiuti non abbiano a disperdersi».

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Documenti, 2018-1

Una curia a servizio delle Chiese

Discorso alla curia romana per la presentazione degli auguri natalizi

Francesco

Dopo aver affrontato il «catalogo delle malattie curiali» nell’incontro con la curia romana per lo scambio degli auguri natalizi nel 2014 e quello delle «virtù necessarie» nel 2015, papa Francesco aveva dedicato l’appuntamento del 2016 al tema della riforma della curia romana che è in itinere, illustrandone i passi compiuti e le prospettive di sviluppo futuro. Anche l’incontro del 21 dicembre 2017 ha insistito su quest’ultimo tema, soprattutto in riferimento alla «realtà della curia ad extra, ossia il rapporto della curia con le nazioni, con le Chiese particolari, con le Chiese orientali, con il dialogo ecumenico, con l’ebraismo, con l’islam e le altre religioni, cioè con il mondo esterno». Accennando alle difficoltà che la riforma sta incontrando e assumendo a tratti toni severi, come laddove rimarca il comportamento dei «traditori di fiducia o degli approfittatori della maternità della Chiesa», Francesco ha richiamato l’istituzione al suo profilo diaconale, cioè al suo essere al servizio del papa e delle Chiese locali: «Cogliere le istanze… le grida, le gioie e le lacrime delle Chiese e del mondo in modo da trasmetterle al vescovo di Roma al fine di permettergli di svolgere più efficacemente il suo compito… Con tale recettività, che è più importante dell’aspetto precettivo, i dicasteri della curia romana entrano generosamente in quel processo d’ascolto e di sinodalità di cui ho già parlato».

Attualità, 2017-20

Caritas italiana - Rapporto 2017: una politica contro la povertà

Un’analisi in vista della partenza a gennaio 2018 del Reddito d’inclusione

Francesco Marsico

Il quadro tratteggiato nei capitoli del Rapporto 2017 sulle politiche contro la povertà in Italia curato da Caritas italiana dà la portata di quanto sia cruciale il 2018 per una svolta effettiva nel percorso delle politiche sociali nel nostro paese. La novità del «reddito di inclusione» (REI), già di per sé estremamente rilevante, va valutata insieme alle altre, più modeste, policy settoriali in avvio. C’è un effetto aggregato che deve essere considerato sotto diversi profili, anche per la natura di mobilitazione sociale e territoriale che tutto questo genera.

Attualità, 2017-20

L. Prenna, Salire al cielo solcando la terra

Meditazioni per il tempo ultimo

Francesco Pistoia

Un viaggio straordinario nell’anno liturgico. Lino Prenna, docente di Filosofia dell’educazione nelle università statali e pontificie, studioso di Rosmini, attento ai problemi della famiglia, della società e della Chiesa, impegnato nel giornalismo e nell’animazione politica, scrive queste pagine con lo sguardo rivolto alle persone che aspirano alla carità, in tensione continua verso la verità, assetate di sapere e di comunione.