A
Attualità
Attualità, 16/1975, 15/08/1975, pag. 347

Torino/Partecipazione: chi inizia e chi continua

G. G.

Leggi anche

Attualità, 2022-20

M. Mondini, Roma 1922. Il fascismo e la guerra mai finita - T. Speccher, La Germania sì che ha fatto i conti con il nazismo

Luigi Giorgi

I due volumi sembrano apparentemente concentrarsi su fasi diverse di un periodo simile. Altresì essi s’incrociano in più punti dimostrando come la tragedia dei totalitarismi novecenteschi, con le drammatiche peculiarità di ognuno, abbia lasciato, avendole all’origine, alcune continuità storico-politiche che hanno paradossalmente influenzato la costruzione della democrazia dei paesi interessati, nel momento in cui questa ha cercato di sanare un passato così ingombrante e terribile.

 

Attualità, 2022-16

P. Serra, Perché studiare il populismo argentino

Luigi Giorgi

L’autore ha il pregio quasi di isolarlo da banalità che lo liquidano, e lo liquidarono a suo tempo, come un semplice «sentimento di protesta», come una scorciatoia a problemi che si presentano complessi, come un fenomeno subalterno a pensieri strutturati che prima o poi riavranno la meglio; ne sonda invece le ragioni, la genesi, i processi evolutivi e formativi, gli sviluppi possibili con tutti i pericoli, ma anche le risorse, del caso.

 

Attualità, 2022-16

A. Schiavone, L’Occidente e la nascita di una civiltà planetaria - B. De Giovanni, Figure di apocalisse

Luigi Giorgi

La collana «Faustiana – Il destino dell’Occidente», a cura di Aldo Schiavone, si prefigge il compito d’approfondire il discorso sull’Occidente, come spiega il curatore nel volume, a sua firma, che apre la serie. Con ogni probabilità occorrerebbe leggere tutti i testi che ne faranno parte per costruirsi un’idea strutturata di quale sia il fine cui la raccolta vuole tendere. Allo stesso tempo, però, i primi due libri, quello già citato e il lavoro di Biagio De Giovanni, forniscono un’utile mappa per comprendere alcuni passaggi della vicenda occidentale nel senso sempre più stratificato che tale termine è andato assumendo. I due testi vanno letti in modo complementare in quanto si intersecano, nel diverso taglio, in alcuni punti.