A
Attualità
Attualità, 14/2018, 15/07/2018, pag. 409

Fantascienza - Religione: il futuro nel presente

Piccolo inno sul secondo «Albo d’onore» della fantascienza di Robert Silverberg

Markus Pohlmeyer

Si dice che la fantascienza sia il genere (post)moderno più vicino alla religione. Si legga solo il titolo delle brevi storie raccolte in un volume antologico curato dal noto scrittore Robert Silverberg: La ricerca di Sant’Aquino (A. Boucher), I nove miliardi di nomi di Dio (A.C. Clarke) o Una rosa per l’Ecclesiaste (R. Zelazny). Nell’ordine: il primo titolo allude al teologo scolastico medievale Tommaso d’Aquino e rivela la ricerca – ma di cosa? – di un cristiano nelle circostanze di una persecuzione (che ricorda assolutamente quella della Roma antica) in un’epoca tecnocratica, e come una meravigliosa religione può trasformarsi in una politica manipolatrice.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-20

Ecologia - Fotografia: Amazzonia, affascinante e ferita

L’Amazzonia di Salgado

Markus Pohlmeyer

Le immagini dei popoli indigeni sono quasi studi minimalisti, una documentazione contro l’oblio, talvolta di una bellezza classica già nella loro stilizzazione: celebrazione, caccia, vita quotidiana, lutto, gioia e famiglia – il tutto ben lungi dal costruire ingenuamente un «buon selvaggio».

 

Attualità, 2020-20

Dante Alighieri - Verso il 700° della morte: drammi dell’amore

Note sparse sulla Divina Commedia

Markus Pohlmeyer

Vi sono due personaggi, della Divina Commedia, che non smettono mai di affascinarmi: Virgilio e Francesca: entrambi sono figure storiche, ed entrambi subiscono, nell’opera di Dante, una trasformazione letteraria. Ma chi è questo Dante, la cui empatia, lungi da qualsiasi pathos, lo porta quasi al limite della morte all’udire la storia di Francesca? «L’“io” di Dante ha qui un’ambiguità che nulla ha a che vedere con l’allegoria: Dante, infatti, è il viandante che visita l’aldilà, di cui si raccontano le esperienze, ma è anche il narratore, il cronista del proprio viaggio. Egli è oggetto della narrazione e contemporaneamente narratore». E perché usare i termini divina e commedia, in un contesto terrificante come quello infernale?

 

Attualità, 2019-6

Letteratura - Science fiction: e infine alle stelle

Il futuro visto dalla fantascienza cinese: Cixin Liu

Markus Pohlmeyer

Della raccolta di racconti fantascientifici Pianeta errante ce n’è uno che s’intitola «Il sole della Cina». Racconta di Shui Wa, che lascia i genitori e il suo villaggio tormentato dalla siccità, diventa minatore e alla fine lustrascarpe in città.