A
Attualità
Attualità, 20/2020, 15/11/2020, pag. 591

Francesco – Omosessualità. La dottrina e il metodo

Gianfranco Brunelli

L’affermazione del papa non contiene novità dottrinali. Il riconoscimento delle unioni di fatto è materia civile e non ha nulla a che fare con il matrimonio sacramentale. Né papa Francesco equipara il matrimonio alle unioni. Certo i toni sono alquanto diversi da quelli espressi nella nota dottrinale della Congregazione per la dottrina della fede su L’impegno dei cattolici nella vita politica, firmata dal prefetto card. J. Ratzinger nel 2003 (cf. Regno-doc. 3,2003,71).

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2021-18

Italia - Elezioni amministrative: la natura della vittoria del PD

Franano Lega e 5 Stelle

Gianfranco Brunelli

Come si dice di solito: le elezioni amministrative non sono le politiche. Vero, ma i segnali ci sono tutti. Il Partito democratico (PD) vince stando fermo, direi immobile politicamente, e arretrando elettoralmente di meno. Lega e Movimento 5 Stelle (M5S) perdono la partita elettorale e la prospettiva. Non hanno espresso una linea politica (la Lega salviniana) e non avevano e non hanno trovato un’identità (il M5S).

 

Attualità, 2021-18

Centro editoriale dehoniano - Chiusura EDB: domande alla Chiesa

Gianfranco Brunelli
Quando chiude una casa editrice, quando cessa la propria attività un ente editoriale come il Centro editoriale dehoniano (CED), che è stato parte importante della cultura (e non solo religiosa) della Chiesa italiana e del nostro paese, il sentimento è di amarezza, la percezione quella di una mancanza, di un vuoto. Il CED nacque dall’esperienza della rivista Il Regno sessant’anni...
Attualità, 2021-16

Francesco - Viaggio in Ungheria e Slovacchia: l’Europa stile Francesco

Gianfranco Brunelli

Dopo l’intervento all’intestino (da cui si è ristabilito in fretta), dopo avere fermamente escluso le dimissioni (dubbio insinuato nella comunicazione da chi le desidera), papa Francesco ha ripreso a viaggiare. L’occasione del 52° Congresso eucaristico internazionale lo ha portato (12-15 settembre) in due paesi dell’Est europeo, l’Ungheria e la Slovacchia, oggi al centro di questioni strategiche per l’Europa perché legate alla memoria e all’attuale situazione politico-culturale.