A
Attualità
Attualità, 22/2021, 15/12/2021, pag. 682

Italia – Presidenziali: Draghi e il Quirinale

Gianfranco Brunelli

Il gioco per il Colle, come viene sintetizzata nella comunicazione l’elezione del prossimo presidente della Repubblica, è, in questa nuova fase della vita del paese, l’evento politico più importante. In tale passaggio si gioca moltissimo del nostro futuro. Mario Draghi è arrivato alla guida del governo del paese un anno fa, non tanto o non solo sulla crisi da tempo conclamata della politica e del nostro sistema politico, ma sulla disfatta della classe politica, cioè sulla manifesta inadeguatezza dei leader politici di qualsiasi parte a governare l’emergenza pandemica ed economica, e più in generale a prospettare una visione di paese.

 

La lettura dell'articolo è riservata agli abbonati a Il Regno - attualità e documenti o a Il Regno digitale.
Gli abbonati possono autenticarsi con il proprio codice abbonato. Accedi.

Leggi anche

Attualità, 2022-8

Ucraina - Guerra: la scelta

Gianfranco Brunelli

Oggi il male minore è aiutare gli ucraini a difendersi; e la nonviolenza è essere presenti come resistenza attiva, ancorché non armata, per aiutarli a sopravvivere. Sono queste le scelte possibili. Il pacifismo che chiede la resa agli aggrediti, che cerca di dare ragioni a Putin per una trattativa indifferente a ogni valore in gioco è un pacifismo finto.

 

Attualità, 2022-6

La guerra di Putin contro l’Ucraina: un’altra «inutile strage»

Che cos’è in gioco

Gianfranco Brunelli

L’aggressione di Putin all’Ucraina è già costata migliaia di morti. «Fiumi di sangue e di lacrime», come ha detto papa Francesco. Un’altra «inutile strage», in nome della volontà di potenza che è diventata, oltre ogni previsione, l’esercizio brutale della potenza. Il potere di un autocrate torna a mostrare la propria forza demoniaca.

 

Attualità, 2022-4

Italia - Politica: la decadenza dei partiti

L’elezione del presidente della Repubblica

Gianfranco Brunelli

Post hoc, propter hoc. Un’inversione logica del rapporto causa-effetto, giustificandone il risultato a posteriori. Poi, l’affermazione che si è trattato della cosa migliore possibile. Infine, la gara a intestarsi il merito. Un intero ceto politico inadeguato, appiattito sul proprio interesse descritto come l’ideale del paese, ha dato l’ennesima prova di non sapere riprendere in mano la storia del paese.